Il prezzo del secondo lockdown. in fumo altri 15,5 miliardi

Con le chiusure decise dal Governo a partire da oggi si stima che la perdita a livello nazionale per il commercio rispetto a un mese normale nel quale ricade la Pasqua superi i 15,5 miliardi con una caduta del fatturato superiore al 30% del totale. Il calcolo arriva dall’Ufficio studi della Confcommercio, secondo il quale in un mese senza pandemia (come ad esempio nel 2019) nel quale ricade la Pasqua i consumi nei settori del vestiario, mobili, bar e ristoranti, servizi di alloggio, trasporti escluse le auto, i servizi ricreativi e gli altri servizi vari superano nel complesso i 50 miliardi.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Odissea Lombardia delle opere incompiute. Concorrenza alla Salerno-Reggio?

Articolo successivo

Addio a 80 milioni di consumo al giorno. Dopo un anno, punto e a capo...