“Il prefetto chiede case private per i profughi? I buonisti se li prendano”

di REDAZIONEprefetti

Case private ai profughi? “Tutti i buonisti del Veneto e d’Italia se vogliono possono portarsi a casa un profugo, ovviamente non utilizzando soldi pubblici perché credo che oggi non sia possibile continuare a sperperare denaro senza mantenere né sicurezza, né garanzie dell’identità, ne una gestione corretta.Ma se un buonista di turno vuole prendersi un profugo, se lo prenda a casa sua”. Lo ha detto l’assessore regionale al lavoro, Elena Donazzan commentando la proposta del prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia di dare la possibilità ai cittadini veneti di trovare delle soluzioni per i profughi anche nelle case private.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Dopo il papa, Ankara minaccia Vienna

Articolo successivo

San Jordi, Mas sfida "il dragone" che calpesta l'autogoverno Catalano