Il Nord povero in coda per il pane. Bernardelli: Questa è la questione settentrionale

di Roberto Bernardelli – Per fortuna c’è Pane quotidiano, la onlus che si occupa dei milanesi in difficoltà. Erano in 10mila, un numero mai visto prima, l’altro giorno, per chiedere il pacco alimentare in dono.

Milano ha fame, Milano col cuore in mano sfama. Fa quel che può grazie all’inesauribile forza del volontariato. Il Nord non chiede il reddito di cittadinanza, non fa la fila davanti ai caf per chiedere come incassare un sussidio. Il Nord non riceve aiuti come altrove, perché “tanto è ricco”.

Finché si vorrà negare la questione settentrionale, la necessità di rendere accessibile a tutti la vita a casa nostra, finchè le tasse le terrà la Capitale, finché il Pnnr andrà al Sud, finché le città verranno classificate in base alla macchina che ti puoi permettere di comperare per lavorare, avremo file che si allungheranno. Altro che 10mila milanesi in coda. Intanto tranquilli, prima viene il ponte sullo Stretto.

Lavoriamo per una Milano città regione, non per una Milano dove si fa la fame.

 

Onorevole Roberto Bernardelli, presidente Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Varese e Como, gli artigiani uniscono le forze

Articolo successivo

I numeri impressionanti mai visti a Milano ai cancelli di Pane Quotidiano. Il peso di affitti, bollette riduce in povertà