Il Nord non scappa dall’Europa

C’è un luogo simbolo non solo della memoria, Venezia, che richiama una questione aperta, irrisolta. E’ la questione di un territorio, il Nord, che non ci sta a pagare per tutti. Per questo, domenica 15 settembre, io sarò con Grande Nord alla manifestazione nel capoluogo veneto che pone al centro della politica i popoli del Nord.
Cittadini, imprese, artigiani, attendono la liberazione fiscale, hanno diritto all’autonomia dei territori, vogliono decidere a casa propria senza essere omologati alle ricette uguali per tutto il resto dell’Italia. Il Nord non scappa dall’Europa. E’ già Europa. Ma non intende essere, come sempre, barattato per mantenere le pensioni di chi non ha lavorato e gli assegni dell’assistenzialismo di chi il lavoro lo lascia agli altri, della scuola dai voti facili che sforna cittadini impreparati ma che occuperanno gli uffici pubblici. Il sovranismo non è la soluzione ai mali dello Stato inefficiente.
Il Nord ha bisogno di autonomia e libertà!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Afghanistan: una guerra che finisce come era iniziata. Il fallimento riparte dalla nuova strage a Kabul

Articolo successivo

Cgia, energia: la bolletta più pesante d'Europa a carico dei piccoli imprenditori. Ovviamente