IL MITICO PUJOL: IN CASO DI REFERENDUM, VOTO PER L’INDIPENDENZA

di REDAZIONE

“E’ difficile ma possibile l’indipendenza” della Catalogna e, “se ci fosse un referendum, io voterei per l’indipendenza”. E’ quanto ha assicurato oggi l’ex presidente del governo catalano e storico dirigente di CiU, Jordi Pujol, in un’intervista radiofonica alla Cadena Ser. Nel difendere la sfida secessionista mossa dal suo delfino e presidente uscente della Generalitat, Artur Mas, Pujol ha sostenuto: “E’ difficile ma possibile l’indipendenza. La Catalogna è preparata” e basti guardare “ad esempi di indipendenza che sono stati un successo: Slovenia, Slovacchia, Estonia”, tutti Stati che, ha detto Pujol, “sono molto meno della Catalogna in tutti i sensi”.

“Se ora ci fosse un referendum – ha insistito l’ex presidente catalano – voterei per l’indipendenza. Non avrei potuto immaginarlo due o tre anni fa”, ha osservato. Pujol ha giustificato la sua posizione col fatto che “il messaggio che la Catalogna riceve dall’esterno e’ molto ostile”. Quanto alla responsabilita’ della fuga in avanti del suo partito, CiU, tradizionalmente nazionalista moderato, che ha posto nel suo programma per le elezioni del 25 novembre prossimo la convocazione di una consultazione indipendentista, Pujol ha osservato: “Sulla relazione fra Catalogna e Spagna forse abbiamo la responsabilita’ di essere stati un po’ ingenui”. Ed ha ricordato che “un merito della Catalogna e’ che, essendo stata un paese che ha accolto durante il XX secolo gente da fuori, e che continua ad accoglierla, ha mantenuto la convivenza e la coesione del Paese”, mostrando “la volonta’ di contribuire al progresso generale spagnolo”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Portorico Indipendente! Domani referendum per 4 milioni di elettori "americani"

Articolo successivo

Rai, le nuove nomine e il silenzio della Lega