Il ministro Pinotti: nessun problema, riapriamo le caserme per i clandestini. Ma non dovevano venderle le caserme?

di BRUNO DETASSIScaserma

C’era una volta la dismissione dei beni dello stato e dei loro immobili, soprattutto. Caserme comprese. Quanti servizi e quanti preventivi messi a bilancio dello stato per dire che nelle casse pubbliche sarebbero entrati miliardi dalle dismissioni.

Cosa sia stato dismesso ancora oggi non è dato sapere, si sa però che le caserme serviranno ad accogliere i migranti.

Ecco qua…

“C’e’ la massima apertura da parte della Difesa per dare risposte a questa emergenza, anche sulle caserme non immediatamente disponibili”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, parlando con i cronisti a Torino sulla possibilità di usare le caserme per l’accoglienza dei profughi. Il ministro spiega di averne parlato anche con il sindaco di Torino, Piero Fassino, “gli ho fatto avere l’elenco delle caserme già disponibili e se ne vengono individuate delle altre ce lo dicano e vedremo. Siamo disponibili a ragionare su tutto”. Pinotti ha poi concluso “vorrei che fosse definitivamente sfatata l’idea che la Difesa si chiude a riccio e tiene tutto per sè”. Macchè, ministro, tutto alla patria straniera.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Borghezio a processo per razzismo: mi pento. Pronto a fare volontariato con chi assiste i rom

Articolo successivo

La corruzione che mangia un'impresa su due. Dossier Tagliacarne choc