Il ministro leghista Bussetti della scuola. Quasi niente o forse niente. Ma da lui si vuole così!

scuola-sicura

di SERGIO BIANCHINI – Personalmente sono contento dei risultati del voto del 5 marzo e della svolta che la politica italiana sicuramente ne riceverà attraverso vicende magari tumultuose e in parte imprevedibili.
Sulla scuola però il capo del governo, Conte , ha dichiarato: ”la scuola va bene così”.

Allora ho capito come e perché fosse stato nominato ministro della pubblica istruzione un signore che di organizzazione scolastica si era occupato poco e che solo negli ultimi dieci anni era balzato ai vertici dell’amministrazione in Lombardia  ma senza lasciare alcuna traccia e mantenendo un profilo assolutamente piatto.

Nell’intervista di venerdì 31 agosto sul Corriere della Sera possiamo esaminare il “quasi niente” del programma di lavoro ministeriale alla pubblica istruzione.
Il ministro dichiara: Ridurremo le ore di scuola lavoro- Forniremo indicazioni sulle altre prove di maturità- Cambieremo impostazione alla didattica senza fare investimenti perché c’è il tablet- miglioreremo l’insegnamento dell’inglese- le pensioni procureranno un ricambio degli insegnanti- proveremo a fare nuovi concorsi più rapidamente- ridurremo il tirocinio.

Promessine senza tempo e senza quantità, senza cioè i due elementi chiave del lavoro di governo.
Si arriva poi, finalmente, alla storica questione dei docenti meridionali che prendono il posto al nord e poi vanno via. La soluzione quale è? è nei concorsi nazional-regionali. Cioè il concorso viene indetto sui posti regionali ma chi lo vince continua a mantenere la titolarità nazionale e quindi come adesso potrà chiedere il trasferimento verso casa.
Il ministro dice che ci sarà ”un obbligo di permanenza pluriennale”. Questo obbligo di 3 anni esiste già e il ministro non formula una diversa lunghezza della permanenza obbligatoria. Quindi è lecito pensare che la differenza sarà minima e forse nulla.

Proseguiamo verso la conclusione :- Accelerazione dell’inserimento dei presidi mancanti tramite l’immissione in servizio dopo il superamento della sola prova orale. Colpo finale sulla “dignità dei docenti”: Il ministero cercherà… di evitare che abbiano riduzioni (riduzioni!) di stipendio.
Che pacchia! Finalmente arriva la tanto attesa aria fritta.. ..Chiedo scusa , dovevo scrivere aria fresca?

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Insisto: i concorsi per accedere all’insegnamento nella scola dell’obbligo e istituti seperiori devono essere regionali… Le pletore di concorrenti da tutt’Italia isole comprese, e successivo via vai di permessi trasferimenti assenze, son tutte cose che danneggiano la scuola e la declassano al postificio statale piu’ colossale e piu’ squalificato… Le iniversita’ invece si daranno un ordinamento che garantisca e promuova le proprie eccellenze sia per l’ammissione agli studi che per la scelta dei docenti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Pierluigi Crola premiato dai Ladini di Fassa

Articolo successivo

Tornano i libri. Alla scoperta di quel diavolo di Bernabò Visconti