IL LEGHISTA CHE PIANGE IL PO “INQUINATO CON SANGUE INDIANO”

di TONTOLO

“Si dimetta”: è’ l’invito del nuovo segretario Fvg della Lega Nord, Matteo Piasente, a Luca Dordolo (nella foto), capogruppo leghista al Comune di Udine, dopo che Dordolo ha scritto su Facebook commentando il gesto di un operaio indiano che ha ucciso la moglie incinta e l’ha gettata nel Po, che il “nostro sacro fiume” è stato inquinato. “Le sue dichiarazioni sono inqualificabili, danneggiano il movimento e i suoi militanti – ha detto Piasente -. Non è questa la Lega con cui e su cui voglio lavorare”. Il sindaco di Udine, Furio Honsell: “Il mio primo pensiero va alla donna vittima. Sono rimasto allibito dal consigliere Dordolo”, ”sono dichiarazioni che cercano solo visibilità”.

Io mi chiedo da dove li tirino fuori, in Lega, certi personaggi che dimostrano di avere un cervello come quello di una gallina. Qualche settimana fa il segretario di sezione del Bresciano che aveva sostanzialmente applaudito al terremoto in Emilia considerandolo come il distacco della Padania dal resto dell’Italia. Adesso quest’altro energumeno, nientemeno che capogruppo in un capoluogo di provincia, che dice cose del genere. Purtroppo questo è l’esito di troppi anni di frasi dette in libertà, senza considerare le conseguenze, da alcuni dirigenti leghisti, anche quelli molto in alto. C’è così da lavorare per disegnare la nuova Lega, ammesso che sia un’opera possibile…

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

MA QUALE DEMOCRAZIA, QUESTA E' SOLO UNA OLIGARCHIA

Articolo successivo

LETTONIA: I RUSSOFONI VOGLIONO FARE LA SECESSIONE