/

Il coma morale della classe dirigente. Ci rifilano la Costituzione europea

europa-impero-carlo-magno_258di ALDO MOLTIFIORI – In questo esordio di 2016 anche a causa della sciagurata gestione della invasione da clandestini musulmani, divenuta un vero e proprio tsunami in seguito alla dispotica decisione di imporla ai popoli di tutta la Unione, il problema “EUROPA” si ripropone in tutta la sua urgente drammaticità. Quale Europa stanno costruendo i potenti che governano? Su quali leggi stanno basando la loro legittimazione ed il potere che ne consegue? Dopo le rivoluzioni americana e francese la legge fondamentale su cui si regge il patto di convivenza fra i membri di una comunità, piccola o grande, regionale o nazionale che sia, è la Carta Costituzionale o più semplicemente la Costituzione.

Dunque anche la cosiddetta Unione Europea, sono orami molti anni si è data una Costituzione o meglio attraverso i trattati di Lisbona (per quei Governi che li hanno firmato) è stata imposta ai popoli e alle Regioni di Europa una Costituzione. Il sito web del Senato ne riporta il testo integrale mentre qualche utile riflessione viene proposta sul sito di Wikipedia. Un Europa dei Governi o meglio dei Burocrati non certamente quella dei Popoli, né quella delle Regioni!

Per capire quale Europa i burocrati di Bruxelles stiano disegnando dobbiamo confrontarci con quella che tuttora è il faro per eccellenza della democrazia e della autodeterminazione dei popoli. Mi riferisco a quella americana che raccomando di leggersi attentamente su Wikipedia. Quello che segue è una breve comparazione fra le due Costituzioni con il retro pensiero di dimostrare che la Lombardia (Il Veneto è già in movimento) dalla padella dello Stato italiano sta per passare alla brace di una Europa più imperiale di quella sognata da Carlo Magno e dal suo emulo Napoleone Bonaparte.

(1-segue)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Referendum autonomia Lombardia, un sogno catalano. Proviamoci

Articolo successivo

Quando Oneto rispose a Ida Magli: Roma o Bruxelles per noi uguali sono