Il Belgio “guadagna” 8 miliardi sul rifinanziamento del debito

di REDAZIONE

Il Belgio è riuscito a ‘guadagnare’ 8 miliardi di euro sui costi di rifinanziamento del suo debito pubblico, tra i più alti dell’Ue (circa al 100% del pil), durante la crisi dell’eurozona. E questo grazie ai tassi più bassi del previsto, mentre lo spread di Italia, Spagna e degli altri Paesi in difficoltà schizzava verso l’alto andando a gravare ancor più sulle casse dello stato. Sono le stime per il 2010-2014 rese note dall’Agenzia del debito belga, che prima della crisi aveva invece calcolato per il periodo in questione un tasso d’interesse medio più alto e quindi costi di rifinanziamento maggiori del debito pubblico. Il Belgio, nonostante una fiammata del differenziale con i bund tedeschi nel 2011 – quando il Paese era in piena crisi politica e rimase senza governo per un anno e mezzo – è infatti stato considerato un ‘Paese rifugiò sulla scia dei Paesi nordici ‘virtuosì come la Germania. Berlino, per esempio, grazie a tassi negativi sui suoi titoli, è riuscita a ‘risparmiarè 40,9 miliardi sugli interessi sul suo debito pubblico, vicino all’82% del pil.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Persino un “non Stato” viene considerato più affidabile della “patria del diritto” nonché “culla della civiltà europea”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La crisi sta finendo? Gli italiani non riescono nemmeno a indebitarsi

Articolo successivo

Lega, Berghèm Fèst con logo tricolore. E' il nuovo corso tosiano!!