I SOLDI SON FINITI, I TRENI LOCALI SI FERMERANNO NEL 2013

di REDAZIONE

Povera Italia, ormai sta sprofondando verso condizioni da terzo mondo. E con l’anno prossimo rischiano di fermarsi del tutto i treni locali, che già spesso e volentieri sono proprio da terzo mondo, senza offendere i paesi meno sviluppati. Non è un’ipotesi generica, ma la concreta eventualità avanzata nientemeno che dall’amministratore delegato delle FS Mauro Moretti.

Se nel 2013 “non ci saranno soldi a bilancio” nel budget delle Fs, “l’unica cosa che potremo fare e’ interrompere il servizio”. Ha detto il capo delle Ferrovie dello Stato dal tavolo di un convegno all’Universita’ Bocconi di Milano. Lo stesso Moretti non ha nascosto, durante il suo intervento, ne’ il rischio che le regioni restino senza trasporto pubblico locale, ne’ che le stesse Fs possano essere denunciate per interruzione di servizio ma “vedremo come andra’ a finire”. Durante l’incontro alla Bocconi, il numero uno di Fs ha spiegato che, per quanto riguarda il servizio regionale, i cosiddetti “ricavi per passeggero/chilometro in Italia sono di 10,8 centesimi di euro contro i 17,2 centesimi del trasporto su gomma”. Moretti ha citato la Germania, con ricavi per passeggero/chilometro a 20 centesimi e la Francia, i cui ricavi sono di 22 centesimi. “Situazione assai diversa è quella inglese – ha concluso Moretti – che vede ricavi per passeggero variare da 33 a 42 centesimi chilometro”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

AUTO: TASSE E ANCORA TASSE! ALLA FINE CI RIMETTE LO STATO

Articolo successivo

IL NUOVO IN POLITICA: SGARBI E IL PARTITO DELLA RIVOLUZIONE