I PUNTI PROGRAMMATICI DEL MAT – MOVIMENTO AUTONOMISTA TOSCANO

matRiceviamo e pubblichiamo

  • Difesa dei nostri “Ultimi” (disoccupati, poveri, emarginati, anziani, disabili, giovani coppie) aggrediti dall’invasione extracomunitaria (invasione voluta e sostenuta dal PCI, oggi PD, e dall’imprenditoria sfruttatrice di manodopera a basso costo, che il MAT denuncia fin dal 1989)

Si richiedono:

  • il blocco immediato di qualsiasi ulteriore arrivo di “rifugiati”, che altro non sono se non clandestini e invasori;
  • lo smantellamento immediato di “centri di accoglienza”, campi Rom etc.;
  • l’attivazione di capillari controlli di ordine pubblico per la prevenzione e la repressione dei reati compiuti dagli extracomunitari (droga, furti, prostituzione, lavoro nero etc.);
  • l’introduzione della residenza da un congruo numero di anni sul territorio come criterio nelle graduatorie per alloggi, impieghi, posti negli asili, rilascio di autorizzazioni commerciali, prestazioni sanitarie;
  • l’elargizione di specifiche indennità per i disoccupati Toscani 40-50enni e per le badanti e baby-sitter Toscane.
  • Sostegno dell’agricoltura, della piccola e media impresa e dell’artigianato Toscano

Si richiedono:

  • la concessione di agevolazioni fiscali per le nuove imprese aperte da Toscani;
  • lo sviluppo di reti di vendita di prodotti esclusivamente Toscani;
  • l’attivazione di “Sportelli Trova Lavoro” riservati ai Toscani;
  • Battaglia Localista e Autonomista, in coerenza con l’ideale dei “20.000 Sanmarini”

Si richiedono:

  • uno Statuto Speciale, a cui la Toscana ha diritto, storicamente ed economicamente, analogo a quello accordato alle altre regioni a statuto speciale;
  • la suddivisione della regione geografica italiana in 9 “Regioni” o “Stati” autonomi, in luogo delle attuali 20, con l’eliminazione di enti inutili come le provincie e il potenziamento del ruolo dei Comuni;
  • Codice di Comportamento, o “Decalogo”, Solidale (redatto congiuntamente da Mazzerelli e Don Milani nel 1966 a Barbiana), di cui si richiede la rigorosa applicazione per ogni amministratore pubblico, che prevede:
  • i divieti di ricoprire più di una carica pubblica, di rimanere per più di due volta alla stessa carica pubblica, della pubblicità personale dei candidati a qualsiasi carica pubblica, di ricoprire una carica pubblica e una di Movimento, di costituire correnti o gruppi di potere, di aprire uffici per la promozione del clientelismo, l’obbligo della dichiarazione annuale, pubblica e giurata, di tutti i redditi e di tutte le proprietà, l’irreprensibilità morale nella vita pubblica e privata, la predisposizione della lista dei candidati mediante una “scala dei meriti”, l’esercizio della politica come servizio, evitando qualsiasi contrasto personale con gli altri servitori.
Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. e’ ora che si torni a concepire la politica e l’esercizio di cariche pubbliche come ‘servizio’ cui dedicarsi per passione e convincimento, anche se oggi deve essere remunerato con equo compenso… ricordo I tempi postbellici quando mio padre magari faceve l’una di notte in comune e alle cinque si alzava per cominciare la giornata lavorativa… Oggi sembra solo un miraggio per sistemare se stessi e entourage per la vita…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Ma la Lombardia avrà un governatore capace di annunciare la dichiarazione di sovranità?

Articolo successivo

Lo Svimez: il Sud cresce. Poi aggiusta il tiro: tra 10 anni.