I poveri del reddito di cittadinanza

Intascavano il reddito di cittadinanza senza averne diritto. I militari della Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania hanno denunciato 78 persone. Nell’ultimo periodo, le Fiamme gialle etnee hanno intensificato i controlli che, già nello scorso ottobre, avevano permesso di scovare 18 percettori di reddito per un danno alle casse dello Stato di oltre 240mila euro.

Questa volta il numero dei furbetti scovati è arrivato a 78 per un beneficio totale di oltre 1.200.000 euro. Tra gli indebiti percettori del beneficio c’era chi aveva riportato condanne per gravi reati,  giocatori d’azzardo on-line, chi aveva realizzato vincite per oltre un milione di euro, ma anche un proprietario di quattro appartamenti, un magazzino e un’autorimessa; un ereditiere di quasi 400.000 euro in valori mobiliari e immobiliari che ha omesso, tra l’altro, di comunicare l’esercizio di un’attività commerciale da parte del congiunto; una persona cancellata dall’anagrafe della popolazione residente insieme a diversi lavoratori in nero. Gli indebiti percettori sono stati denunciati all’autorità giudiziaria oltre che segnalati all’Inps per la sospensione del beneficio e il recupero delle somme erogate.

Ma il reddito di cittadinanza non era stato votato dal governo gialloverde col semaforo più che verde della Lega Italia Salvini?

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Rizzi: Vogliono governare senza il Nord

Articolo successivo

Scontro aperto tra Astrazeneca ed Europa. Mentre Roma litiga sulle poltrone, Bruxelles fa la guerra sui vaccini