I numeri impressionanti mai visti a Milano ai cancelli di Pane Quotidiano. Il peso di affitti, bollette riduce in povertà

Numeri impressionanti, mai visti a Milano, quelli che si registrano ai cancelli di “Pane quotidiano” in Viale Toscana, mensa che ogni giorno distribuisce aiuti alimentari a tutti coloro che si recano in visita.
Numeri record che testimoniano il malessere di una grossa fetta di cittadini milanesi, non più solo un fenomeno che interessa clochard e persone senza fissa dimora ma soprattutto famiglie intere, che hanno una casa, ma sono schiacciate dalle difficoltà economiche tra affitti, bollette, spese per i figli ecc. e devono per forza farsi aiutare per mangiare qualcosa.
Codacons: “Sintomo di un fallimento globale del nostro sistema sociale ed economico, dove i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Dove gli aiuti sociali e governativi sono troppo pochi per permettere a migliaia di persone di vivere dignitosamente. Dove solo a Milano si registrano migliaia di abitazioni vuote o in stato di abbandono mentre delle persone sono costrette a vivere per strada sperando di non morire assiderate.
Un dossier, quello del Codacons, che mette in luce la reale situazione di Milano, lontana dai riflettori, dallo sfarzo, dagli appartamenti sempre più grossi e costosi dei quartieri più ricchi della città, mentre gli invisibili lottano per sopravvivere.
Non sarà mai troppa l’attenzione che diamo ai più poveri, solo parlandone qualcosa prima o poi si muoverà.”

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il Nord povero in coda per il pane. Bernardelli: Questa è la questione settentrionale

Articolo successivo

Regalo di fine anno della Camera al mondo venatorio