I lombardi vestono alla catalana. Che piaccia o no…

di CASSANDRAdiada8 diada6diada7diada3diada3 diada

Magari. Magari una Diada lombarda… Barcellona è stata un fiume umano. Il bisogno di libertà non si ferma davanti alle difficoltà di un referendum ostacolato, impugnato, inciampato nel centralismo di Madrid. Il 27 settembre le elezioni catalane saranno il nuovo obiettivo degli indipendentisti. E chi nel Nord guarda a questo processo di indipendenza come punto di riferimento irrinunciabile, ha partecipato a questa Diada 2015. Non mancheranno le polemiche, le divisioni, la frammentazione tra le anime dell’indipendentismo, che rappresenta il primo vero ostacolo ad un fronte comune contro il centralismo che si è rafforzato. Cosa fare, allora? Ignorare la Diada? Non guardare chi vi ha partecipato tenendo alta la bandiera della Lombardia? Nelle immagini che pubblichiamo, postate sui social dal vipresidente del consiglio regionale lombardo, Fabrizio Cecchetti, assieme al consigliere regionale veneto indipendentista Guadagnini, c’è lo spirito di chi crede nella sfida. Noi stiamo con chi si mette in gioco. Tutto il resto sono retorica intellettuale per sciacquare le botti. Forza Catalogna.La politica, lombarda, veneta, dica qualcosa, se vuole, l’occasione in questo caso non fa l’uomo ladro.diada5

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

"Crolla" un mito? La Radiotelevisione svizzera alle prese con tagli e 40 milioni di risparmi

Articolo successivo

Indovina chi invitiamo a delinquere