I genovesi in coda per il rimborso Imu. Si rivolgessero al Berlusca!

di TONTOLO

C’era da aspettarselo. Dopo avere ricevuto la lettera (elettorale) per il rimborso dell’Imu annunciato da Silvio Berlusconi, molte persone a Genova si stanno recando presso i centri assistenza dei sindacati per chiedere i moduli. Lo hanno segnalato oggi Cgil, Cisl e Uil del capoluogo ligure, che invitano i cittadini a non recarsi agli sportelli «per evitare una perdita di tempo» e la notizia è rimbalzata sui siti online di molti giornali, a cominciare da www.corriere.it

«Stanno pervenendo agli sportelli delle nostre strutture e dei nostri centri di assistenza fiscale – hanno segnalato Cgil, Cisl, Uil – molti cittadini che hanno ricevuto una lettera nella quale uno schieramento politico promette il rimborso Imu 2012 su prima casa e su terreni e fabbricati agricoli» scrivono in una nota i sindacati. «Le scriventi Segreterie sindacali informano tutti i cittadini che allo stato attuale non è previsto alcun rimborso Imu sulle somme regolarmente dovute secondo l’attuale normativa». I sindacati evidenziano come «la lettera pervenuta ai cittadini contiene un messaggio elettorale che induce il lettore alla convinzione che si possa realmente ottenere una qualche forma di rimborso. Chi si reca presso le nostre strutture infatti chiede di entrare in possesso di una presunta modulistica per l’ottenimento del rimborso o comunque informazioni in merito». «Al fine di evitare perdite di tempo», Cgil, Cisl, Uil invitano i cittadini a non recarsi presso le sedi sindacali perchè la lettera è «un messaggio elettorale».

Con una battuta verrebbe da dire: i genovesi, noti per essere “risparmiosi”, hanno preso la palla al balzo e hanno pensato di non perdere tempo e portarsi avanti nel recupero dei quattrini. Peccato per loro che la restituzione dell’Imu altro non sia, al momento, che una promessa elettorale itorno alal cui praticabilità c’è molto sceticismo. Tuttavia, per non perdere l’occasione, consiglierei loro un rimedio: si rivolgessero direttamente al Berlusca, sono sicuro che, per conquistare qualche voto, si dimostrerà pronto a rimborsarli di tasca sua!!!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Articolo 18, una riforma che non può più aspettare

Articolo successivo

Confindusrtria: in due mesi persi 186.000 posti di lavoro