/

I Carabinieri Ris di Parma: Il Tanko non è arma da guerra

tanko-300x200E’ stata depositata in tribunale a Rovigo la perizia dei consulenti del Ris di Parma sul tanko costruito dagli indipendentisti veneti a Casale di Scodosia, in provincia di Padova: non è un’arma da guerra nemmeno tipo da guerra.

Si sgonfia, quindi, il processo che vede indagati per la costruzione del tanko dagli inquirenti di Brescia, 18 persone, e per il cui stralcio relativo alla perizia sul tanko era stata il sostituto procuratore Sabrina Duò di Rovigo ad affidare la perizia.

L’accusa è di associazione terroristica, ma sarebbe sussistente proprio in base all’utilizzo del tanko come arma da guerra. Ma secondo la perizia dei consulenti Ris il cannone del tanko non sarebbe in grado nemmeno di infrangere una lastra di vetro.

Il 22 aprile prossimo in aula a Brescia, i tre polesani Erika Pizzo, Maria Luisa Violati e Marco Ferro, tutti indipendentisti veneti e legati al gruppo i cui leader sono Franco Rocchetta già sottosegretario agli Esteri considerato l’ideologo del gruppo, il leader dei Forconi Lucio Chiavegato e il veterano Luigi Faccia.

(da Lavocedirovigo.it)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Liberismo e marxismo, l'unione fa la disfatta

Articolo successivo

Distinguere il politico dal politicante. Gli indipendentisti alla prova