La Francia: i clandestini senza lavoro fuori dalle balle

di ROBERTO BERNARDELLIMostra

La mano sinistra non sappia cosa fa la vostra mano destra. No alle quote di migranti, dicono Francia e Germania. Nulla di nuovo, tutto nella pattumiera Italia…. Hollande ora parla di una  migliore “ripartizione” dei rifugiati all’interno dell’Ue. Parlando da Berlino, dove ha incontrato la cancelliera Angela Merkel, il presidente francese dice anche di avere  delle regole” sui “controlli alle frontiere” e “sulle politiche di controllo dell’immigrazione”.

Frontiere? Quali? Ben vengano, le tirino su in tutta Europa. . “Le persone che vengono qui perche’ pensano che l’Europa sia un continente di prosperita, anche quando non sono assorbite dalle imprese…devono essere mandate indietro, questa è la norma. Non possiamo parlare di quote, non ci possono essere quote per questi migranti”, ha puntualizzato Hollande.

Bene, presidente, lei sta dicendo che chi non ha un lavoro non ha diritto di restare. Altra cosa, poi spiega, sono i rifugiati.

Allora, caro uomo di sinistra, spieghi bene anche a Renzi che la sovranità è sacra e che uno Stato non ha l’obbligo di accogliere chi non ha titolo per restare. Prima vengono i francesi… Bene, prima viene anche il Nord. Si chiama anche indipendenza dall’Europa che rottama a casa nostra i guai combinati in Mediterraneo.

Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Calcioscommesse, Lega Pro e serie D: Pro Patria e Monza sotto inchiesta. Le cosche nei campi del Nord

Articolo successivo

Chi stura il lavandino otturato del Parlamento? La procura antimafia: che fanno Grasso e Boldrini?