Hanno fatto il deserto attorno a noi

di Giancarlo Rodegher – Dati molto interessanti se fossero capiti dai nostri baldi giovani del governo.ì quelli che vedono il fattura del Nordest precipitare: a livello di macroarea la maggior sofferenza si avverte proprio lì (-21,3%).
Insisto però su un solo dato di fatto che non può essere ignorato. Senza iniezione di denaro fresco e sopratutto a fondo perduto a famiglie,imprese,pensionati etc..etc… sarà arduo far risalire sia il fatturato che il PIL.
La gente ha paura di spendere e si guarda bene dal riconoscere qualsiasi spiraglio di ottimismo poiché chi sta al governo ha dato prova di inettitudine non considerando in quale sistema burocratico si trova il paese da sempre.
Vedo, sento molta gente attorno a me e non si intravede il benché minimo spiraglio di ripresa economica. Artigiani, commercianti e piccole imprese, salvo casi eccezionali, sono tutte con l’acqua alla gola e tirano a campare per forza di inerzia e non perché convinti di venirne fuori o perché si intravede qualche luce all’orizzonte.

Per curiosità ho girato in diverse località della mia provincia ed anche fuori, ma è desolante vedere alberghi chiusi, edicole di giornali scomparse, ristoranti coraggiosi che hanno aperto ma che faticano a tirare fuori i puri costi giornalieri, località turistiche un tempo sempre affollate oggi quasi deserte se fatto un paragone, persone che non andranno in ferie perché impossibilitate a chiedere prestiti in banca essendo in cassa integrazione, e la lista potrebbe continuare tanto sono gli esempi che si potrebbero fare.
Da indipendentista Veneto, speranzoso almeno nell’autonomia vorrò vedere cosa faranno i signori a roma quando non si vedranno più arrivare soldi, nostri soldi di cui residuo fiscale…..scomparso.
Continueranno ad aumentare il debito pubblico?

Invece di risolvere i problemi cambiando radicalmente il sistema italiota diventato ormai insostenibile gli ” idioti sognatori”, si rallegrano felici che l’U.E. stia non facendo ma pensando qualcosa di utile per l’Italia. Poveri stolti non hanno ancora capito che l’Italia è diventata non più credibile e quindi ci faranno il pelo ed il contro pelo prima di darci un solo euro ??!!!
Ci vogliono prendere per stanchezza e alla fine qualcuno ci cascherà dentro all’imbuto belle e pronto per l’occasione.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Oggi siamo ancora in stallo a Bruxelles.
    Conte dopo le mirabolanti frasi sul Recovery Fund di pari passo il PD segue a ruota…assistiamo al bagno di realtà del nostro Primo Ministro e del suo incapace Governo.
    La speranza è sempre l’ultima a morire ma se non si troverà un accordo è inutile dire che l’Europa si disgregherà….ma sarà l’Italia ad andare a gambe all’aria in autunno inoltrato.
    Sono pronto allo sfacelo economico finanziario e sociale del Bel Paese che spero non avvenga per un puro spirito solidaristico, ma se ciò avverrà l’Indipendenza del Veneto sarà una cosa fattibile.
    I Veneti trovano l’autonomia irrinunciabile e se non verrà fatta al p.p.p. ( perché è necessario dare una svolta vera a tutto il Paese chiamato Italia) tutti ne pagheremo le conseguenze.
    Per il momento godiamoci la guerra fratricida europea ( mai stati veri fratelli o amici) perché potrebbe svelare la vera faccia e la vera motivazione della sua fondazione.
    Di paesi sovranisti in Europa ce ne sono almeno il 90%. C’è chi si nasconde dietro altri e c’è chi lo svela apertamente come il Sig. Mark Rutte olandese il quale tempo addietro ha asserito che Lui è Europeista finché conviene all’Olanda l’ Europa………….ogni commento è superfluo mi pare !!
    Io capisco però Rutte perchè c’è un parallelismo tra la faccenda Europea e quella italiana che vede Il Veneto in particolare, stanco di dover regalare miliardi a roma per poi vederli sprecati. I 250 miliardi in quasi 20 anni avrebbero potuto creare una Regione Veneto la più forte in Europa e con ciò trascinare l’intero Paese. Anche Rutte la pensa allo stesso modo verso l’Italia…..come fidarsi di un Governo incompetente e dedito solo ad elargizioni sociali a pioggia ????
    Credo che Conte farebbe bene a dimettersi subito se le cose dovessero andare male perchè sarebbe l’intero paese a pagare per il suo Governo in quanto se un solo rappresentate di un solo paese è in grado, quindi capace, di bloccare tutto vuol dire che i vari italiani che si sono succeduti nel tempo ed anche quelli di oggi in Europa a rappresentare (malissimo) l’Italia hanno creato una immagine dell’Italia alla stregua dell’incapacità di chi la rappresenta…da sempre purtroppo e quindi una seria diffidenza nel darci credito.
    WSM

Rispondi a FIL DE FER Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

SPECIALE 1000 giorni senza AUTONOMIA / Mariani (Grande Nord): il federalismo avrebbe curato più in fretta il Covid

Default thumbnail
Articolo successivo

La pandemia nei bilanci dei Comuni. Ecco chi ha sofferto di più: primi in classifica i sindaci del Nord