Hanno desettrentrionalizzato i partiti e meridionalizzato i governi ma nulla è irreversibile

di Cassandra  – Qualcuno (si dice il peccato, non il peccatore recidivo) ha desettentrionalizzato quello che era il principale partito del Nord. Fatta l’alleanza con un altro partito che prende voti al Sud grazie al reddito di cittadinanza, poi è stata rotta ma qualche tempo dopo si sono ritrovati di nuovo tutti insieme, sinistra statalista e assistenziale compresa, per ribadire la costante meridionalizzazione dei governi romani.

Ripristinato il ministero per il Sud, tolti dai piedi i referendum autonomisti, Questo comporta stanziamenti assistiamo intanto ad altri cambiamenti epocali. C’è stata la Brexit che, nel bene e nel male ha tuttavia dimostrato che nulla è irreversibile. Molti ora vorrebbero rientrare in Europa ed è la dimostrazione ulteriore che anche un referendum non è per sempre. Altra lezione arriva dalla Catalogna. Non mollano, i catalani. Anche i processi politici non sono per sempre e nulla è irreversibile anche in Spagna. Solo in Italia tutto deve restare com’è. Il Nord muto, il resto che drena.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Montagna, Federalberghi: Subito misure per evitare nuova stagione morta

Articolo successivo

Macroregione, la via percorribile senza ribaltare la Costituzione