Grillo: il 2013 sarà l’anno dei miracoli. Napolitano e Monti fuori dalle balle

di REDAZIONE

 “Il 2013 e’ un anno che vale la pena di essere vissuto. Ci aspettano dolori, ma anche gioie. Dodici mesi vissuti pericolosamente, in cui tutto puo’ succedere, compresi i miracoli. Un anno mezzo pieno per gli ottimisti”. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog elencando i motivi per attendersi un 2013 dei ‘miracoli’ e tra questo, sostiene il leader del Movimento 5 Stelle, l’uscita di scena di Giorgio Napolitano e Mario Monti. “Nel 2013 Napolitano si ritirera’ a vita privata, questo e’ un fatto incontrovertibile. Dopo sette anni non monitera’ piu’. Si godra’ la sua pensione con la nostra benedizione” e poi “Rigor Montis, se non tradira’ la parola data, non si candidera’ a presidente del Consiglio. Tagli, ritagli e svendite all’asta li fara’, se crede, con il suo patrimonio privato, non piu’ con i beni degli italiani”. Quindi “Il MoVimento 5 Stelle entrera’ in Parlamento con un gruppo di cittadini incensurati”. Ed inoltre, scommette Grillo, “la Tav in Val di Susa sara’ abbandonata in modo definitivo dopo le decisioni di Portogallo, Spagna e Francia di non investire piu’ un euro in un’opera inutile e dai costi abnormi”. Infine, si augura Grillo, “i quotidiani andranno in crisi in modo definitivo. Nonostante i 120 milioni di euro di finanziamenti pubblici molti chiuderanno” e la “diffusione dei tablet e dell’Internet mobile consentira’ a qualche milione di italiani in piu’ di accedere all’informazione”. Ultima previsione, “Il fallimento di Expo 2015”. “Cosa volete di piu’ dalla vita?”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

ANCORA BERLUSCONI? SOLO MARKETING E MINESTRA RISCALDATA

Articolo successivo

Sicilia a rischio default, Monti sollecita le dimissioni di Lombardo