GRECIA FUORI DALL’EURO? ECCO GLI SCENARI POSSIBILI

di REDAZIONE

Dopo la Commissione europea, anche Berlino e la Bce sfidano Atene ad uscire dall’euro: un’ipotesi – quella di una Grecia che esce dall’Eurozona – che si fa possibilità, tanto da spingere esperti, economisti e istituzioni finanziarie a fare i conti con il terremoto che si innescherebbe sui mercati. Ecco i piani di contingenza possibili per far fronte all’ipotesi di un addio greco alla moneta unica.

– PANICO E FUGA CAPITALI. «L’uscita improvvisa di un Paese dall’euro – spiega alla Bloomberg Alan Brown, senior adviser di Schroders a Londra – potrebbe facilmente portare al panico finanziario a una fuga dai mercati, oltre a scatenare volatilità e far volare i tassi sul mercato monetario». Insomma una versione ‘da debito sovranò del crollo di Lehman Brothers nel 2008. Che rischia di far apparire il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble – che ha già detto che l’euro resisterebbe all’addio greco – un emulo dell’ex segretario al Tesoro Usa Henry Paulson. Allora si scatenò la peggior recessione globale del dopoguerra e la borsa di New York perse il 40%.

– BCE IN PRIMA LINEA. La prima linea del fronte, oggi, sarebbe il contagio: una fuga dei mercati dal debito periferico europeo nel timore che la Grecia sia il precedente in grado di trascinare altri sulla stessa strada. Citigroup, di fronte all’ipotesi ‘Grexit’, uscita della Grecia dall’euro, è convinta che la Banca centrale europea si troverebbe automaticamente in prima linea. Willem Buiter, capo economista della banca americana, prevede che la Bce userebbe risorse «potenzialmente infinite». Innanzitutto riaprendo gli acquisti dei titoli di Stato sospesi ad aprile e facendo nuove tranche di maxi-prestiti “Ltro” dopo i 1.000 miliardi iniettati fra dicembre e febbraio. Per Bank of America Merrill Lynch c’è «alta» probabilità, poi, che l’Eurotower si troverebbe costretta a dimezzare i tassi d’interesse, già a minimi record, portandoli allo 0,5% dall’1%. E, magari – aggiunge Brown di Schroders – spingersi oltre fino ad annunciare di essere pronta a comprare debito europeo senza limiti per mantenere i bond sotto un tasso prefissato, diciamo del 6%.

– NUOVO CAPITALE PER BANCHE: oltre a prestiti d’emergenza e acquisti massicci dei titoli di Stato, sarebbero probabilmente necessarie ricapitalizzazioni bancarie e assicurazioni dei depositi bancari, per scongiurare una fuga dalle banche esposte più o meno direttamente verso la Grecia. Secondo Jacob Kirkegaard, un ricercatore del Peterson Institute di Washington, governi e fondi di salvataggio dovrebbero «come misura immediata» isolare le banche garantendo i depositi e fornendo capitale fresco. La sola Spagna dispone di depositi per 1.000 miliardi di euro circa. Un modo per affrontare il problema sarebbe il coinvolgimento del fondo di salvataggio europeo, l’Efsf (da giugno Esm) fornendogli una licenza bancaria così da poter attingere ai finanziamenti illimitati della Bce.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Mi pare che non escano mai dalla semplicistica e devastante soluzione della moneta fiat stampata e virtuale a ritmi esponenziali, similmente al Bernanke che prevedeva di distribuire dollari con gli elicotteri … possibile che non capiscano che in tal caso il potere d’acquisto si azzera e si provoca un’iperinflazione, mercato nero e collasso del sistema?

  2. La Grecia affosserà tutti. Questi hanno scroccato e malversato per decenni, falsificando i bilanci e pagando agli statali straordinari di 400 Euro al mese per lavarsi le mani o per arrivare puntuali al lavoro.

    Mitteleuropa arbeitet hart! Südeuropa verschlingt und verschwendet Milliarden!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

I SECESSIONISTI SI RITROVANO PER FARE ACCORDI

Articolo successivo

UN'ASSOCIAZIONE SPORTIVA NEL TRITACARNE DI EQUITALIA