Grande Nord Veneto: medici di base “introvabili”. Tornare alla normalità

Riceviamo e pubblichiamo

Grande Nord Veneto si fa promotore di una campagna di sensibilizzazione volta a far tornare in visita domiciliare i medici di base e i pediatri.
Attualmente la cittadinanza sta subendo questo grande disservizio da parte di operatori sanitari che non svolgono completamente il proprio mandato.
Non comprendiamo il motivo per il quale la maggior parte dei medici di base siano diventati introvabili e abbiano non solo cancellato le visite di persona ma addirittura in molti casi anche la semplice visita in ambulatorio è diventata un terno al lotto.
La sentenza di dicembre 2020 del Consiglio di stato non dà più a loro nessuna scusa per il non svolgimento del compito per il quale ricevono lo stipendio.
La Regione Veneto dovrebbe tutelare prima di tutto i propri cittadini e non chi, con la scusa del non volersi contagiare, fa un ammutinamento verso i pazienti.
Chiediamo una presa di posizione da parte della Giunta Regionale Veneta, in caso contrario la riterremo complice con chi lautamente pagato fugge dai propri doveri.
Massimiliano Malaspina segretario regionale Grande Nord Veneto

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Immunologa Viola: su Astrazeneca sperimentazione pasticciata

Articolo successivo

Gimbe, attenzione alla calma apparente dei dati