Grande Nord, sabato a Milano protesta davanti Rai per questione settentrionale

RAI3

“Grande Nord: in piazza davanti alla RAI per protestare contro il silenzio sulla questione settentrionale”

“Lo abbiamo fatto davanti a Mediaset e ripeteremo la nostra protesta davanti agli studi RAI di Corso Sempione sabato 9 Novembre alle ore 12.00”. 

Così Roberto Bernardelli, presidente di Grande Nord ribadisce con fermezza il proposito di portare i militanti del suo movimento indipendentista, a protestare “Contro il vuoto informativo di un’azienda pubblica che pur avendo 14 mila dipendenti e oltre 1400 giornalisti, dimentica volutamente di far sentire le voci di coloro che contestano questo Governo”, ribadisce Bernardelli.

“Stipendi come quelli di Fabio Fazio pari a 2 milioni e 240 mila Euro l’anno o di Bruno Vespa che supera il milione ( 1.300.000) di Euro sono cifre spaventose da pagare, considerando quanta gente fatica ad arrivare a fine mese, come ci ricorda il caso Ilva in queste ore.

Il Governo Salvini Di Maio aveva promesso di eliminare il canone Rai: un’altra promessa andata a vuoto

Il 9 Novembre ricorre anche la caduta del Muro di Berlino. Noi auspichiamo che a crollare sia anche il muro di omertà  della TV pubblica in questa ricorrenza”, conclude Bernardelli

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

E Zaia cade per la seconda volta. Callegari: maggioranza dai piedi d'argilla. Lega "tradisce" il tricolore per recuperare voti dei veneti

Articolo successivo

Il muro di Berlino è caduto ma la Rai resta una e trina come ai tempi della guerra fredda. Grande Nord fa sentire la sua voce