/

Grande Nord, candidati in 6 regioni. Reguzzoni: Porteremo via il potere a Roma

reguzzoniCandidati alle elezioni nazionali in sei regioni: Emilia, Piemonte, Liguria, Friuli, Veneto e Lombardia. E in quest’ultima, alle Regionali che si svolgono contestualmente nell’election day del 4 marzo, l’imprenditore bresciano ex Lega Nord, Giulio Arrighini, corre per la presidenza. ‘Grande Nord’ scende in campo ufficialmente – e’ stato spiegato oggi in conferenza stampa a Milano – volutamente nel centenario della nascita del costituzionalista Roberto Miglio ideologo della prima ora del Carroccio poi ripudiato.

E nasce “come una confederazione rappresentativa del territorio e degli interessi del Nord” e come la Suedtiroler Volkspartei “avra’ un comportamento anche ricattatorio nei confronti del Governo: o mi dai quel che voglio o non ti voto, politica che era portata avanti dallo stesso Miglio. Non bisogna mischiarsi con il potere di Roma”.

In poche parole: “un sindacato delle istanze del Nord”. “I nostri parlamentari, e ne avremo – assicura uno dei fondatori Marco Reguzzoni capogruppo leghista alla Camera nella XVI legislatura – non vorranno incarichi di governo ne’ posti nelle istituzioni: e non dipingeteci come tutti ex leghisti, non rinneghiamo niente e non siamo anti-Lega anche se Maroni che cosa ha ottenuto di concreto sul piano dell’autonomia per la Lombardia in tutti questi anni? I nostri eletti saranno la clava con cui porteremo i risultati”.

“Siamo un movimento che si oppone ai politici professionisti, che sono le Wanna Marchi di questi giorni – ha affermato il presidente Roberto Bernardelli, anche lui un passato da parlamentare nella Lega – vogliamo difendere gli interessi del Nord. Non viviamo di politica, siamo tutti lavoratori. Lo facciamo per i nostri figli e i nostri nipoti”. Tra gli altri candidati la veneta ‘Siora Gina’ al secolo Maria Cristina Sandrin, di professione avvocato, e il torinese Andrea Mariscotti fondatore di Liberal Camp.

“Ho avuto un esperienza nella Lega poi ho capito che a Roma non si possono cambiare le cose. Aveva ragione Gianfranco Miglio, il quale diceva che bisogna usare i parlamentari come una clava per portare via il potere a Roma e riportarlo nel nostro territorio, noi faremo così”. Lo ha detto Marco Reguzzoni alla conferenza stampa per presentare i candidati di Grande Nord alle elezioni politiche.

“Grande Nord vuole rappresentare gli interessi del Nord che non vengono considerati, noi abbiamo messo assieme movimenti che hanno l’obbligo di andare a Roma solo a votare i provvedimenti o le leggi che interessano solo il Nord. Bisogna attuare il mandato della regione per l’autonomia, per quanto riguarda il nazionale non parteciperemo a nessun tipo di governo e voteremo solo i provvedimenti utili al Nord. Sappiamo già tutti che questi cinema presentati agli elettori sono dannosi alla politica”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

L'abile gol di Maroni a fine partita, in punta di tacco. Chapeau

Articolo successivo

Lombardia, Reguzzoni: Maroni sceglie immunità e abbandona il Nord