La Digos di Venezia non riconosce la lingua veneta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

La Digos di Venezia non riconosce la validità giudiziaria della lingua veneta. Oggi alle ore 15, Albert Gardin, presidente del Governo Veneto, assistito dall’avvocato Bruno Martellone, si è presentato alla Digos di Venezia per rispondere alle domande della Procura della Repubblica a Treviso che lo accusa, in concorso con Franco Rocchetta, Gabriele Perucca e Daniele Quaglia, di aver effettuato una manifestazione “non autorizzata” a Vittorio Veneto, il 3 novembre scorso.

Alle pretese di Gardin di rispondere alle domande in lingua veneta e di firmare i verbali solo se le sue affermazioni fossero state mantenute in veneziano, i funzionari addetti alla verbalizzazione (Zago e Favero) hanno ritenuto di non potersi procedere, chiudendo dunque il verbale in bianco. Gardin ha comunque deposito una memoria/denuncia in veneziano (che si allega) nella quale fa presente che “la denuncia vien espressa in lingua veneta, una lingua italiana che se parla e se scrive in Italia e che nessuna legge ga mai messo al bando o dichiarà illegal”.

E la letteratura veneziana è una letteratura “straniera”? Maffo Venier, Carlo Goldoni, Giacomo Casanova, Giorgio Baffo, Giacinto Gallina, Giacomo Noventa o Andrea Zanzotto erano foresti?

Allegato:

El Governo Veneto (libera istituzion che rappresenta la Veneta Repubblica) ga deciso de ricordar el 3 novembre 2012, a Vittorio Veneto , le centenera de milliera de Veneti mandà a morte dai Savoia, a sostegno de la so politica criminal e espansionista.
La cerimonia commemorativa xe stada effettuà regolarmente e civilmente, come previsto, da una diezena de rappresentanti de le istituzion venete, in presenza anca de alcuni ospiti come el fondator de la Liga Veneta, Franco Rocchetta, sotto i occhi attenti de una cinquantina de carabinieri o agenti de polizia in divisa e in borghese.
Dopo qualche zorno, alcuni partecipanti a la cerimonia xe sta informai che la Digos de Treviso operava per portarli davanti ai giudici italiani co l’accusa de aver effetuà una “manifestazion no autorizzada”.
La notizia gà sollevà molte proteste tra i patrioti veneti, portai a giudicar l’iniziativa inquisitoria come un atto de natura fascista, volesto per impedir – in maniera illecita e illegal – la libera dialettica democratica.
No vedemo raxon de dover risponder a nessuna domanda da tribunal da inquisizion, seguri de aver agìo secondo principi e regole civil, democratiche, rispettose de l’ordine pubblico.
La nostra cerimonia xe stada attuà drento le stesse regole de la Costitussion italiana* che no prevede nessuna domanda de autorizzazion, ma semplicemente una notificazion a le autorità competenti. Infatti, el zorno 1 de novembre gavemo mandà una mail indirizzada contemporaneamente ai zornali e a le questure de de Treviso e de Venezia (a titolo de conoscenza), per notificar el programma de la cerimonia. La polizia italiana no pol donca dir de no esser stada avvisà (avviso che ritegnemo giusto, a salvaguardia de la sicurezza publica) perché i stessi zornali, che ga ricevesto l’informazion assieme a la Digos de de Treviso (e de Venezia), ne sarà testimoni (vedi mail allegà). Sicuramente la Questura de Treviso intendeva che presentassimo – come ai tempi mussoliniani – domanda de autorizzasion a “manifestar”, domanda bandía da la stessa Costituzion italiana (art. 17). Dura lex sed lex!
Se trovemo ancora una volta a subir un’azion politica eversiva, azionada da ambienti anticostituzionali che vol reprimer o contrastar el processo civil, nonviolento e democratico per il rispetto dei diritti dei Veneti a l’indipendenza.
Denunzia
L’occasion xe util per respinger questo attacco da golpe strisciante, per denunziar formalmente a la stessa magistratura italiana, e alle istituzion internazional competenti, el disegno eversiva de chi mette in atto ste azion giudiziarie illecite e abusive; ghe ne domandemo formalmente la condanna e la messa in condizion de no far ulterior danno.
Int’un Stato de diritto la polizia opera per tutelar l’ordine e el diritto dei cittadini a esercitar la libertà de espression, e no, invece, per contrastar o impedir l’esercizio dei diritti democratici.
No se pol tacer su sta question o subirla come fatto normal o error giudiziario, bisogna sradegar le pretese de chi vol soffegar la democrazia.
La presente denuncia vien espressa in lingua veneta, una lingua italiana, che se parla e se scrive in Italia e che nessuna legge ga mai messo al bando o dichiarà illegal.

* Art. 17 Costituzione: “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. […] Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.)

Firmato Governo Veneto (http://www.facebook.com/governorepubblicaveneta)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La Sicilia abolisce le province. Sospese le prossime elezioni

Articolo successivo

Tosi convoca il direttivo: nuove purghe in vista?