/

Giuramento Salvini su Rosario e Bibbia? Reguzzoni (Grande Nord): «Pagliaccio incoerente. E ripassi Costituzione»

rosario salvini«Dal giuramento di Pontida al giuramento da premier. Si riassume in questo gesto incoerente e da pagliaccio la concezione politica di Salvini: egocentrico e al contempo traditore del primo giuramento». Così Marco Reguzzoni, capo della forza politica Grande Nord, sul giuramento inscenato dal leader della Lega. «Consiglierei anche a Salvini di ripassarsi un po’ la Costituzione: forse ha saltato il passaggio in cui si spiega che si giura dopo aver ricevuto l’incarico dal Presidente della Repubblica, non ci si autoproclama».
Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Lo scandalo è aver giurato su un testo sacro, come avviene nel resto del mondo. Il “cattolico” renzi aveva giurato sulla costituzione che poi, coerentemente, ha tentato di stravolgere. Quando sono state approvate le unioni civili, il “cattolico” renzi ha precisato di aver giurato sulla costituzione e non sul Vangelo, ammettendo implicitamente di essere andato contro il Vangelo.
    Vale la pena ricordare che a Roma è stato costruito un orrendo monumento (sembra una enorme macchina per scrivere) chiamato in modo blasfemo “Altare della patria”. Il Vittoriano è nato come monumento massonico a vittorio emanuele II, che doveva superare in grandiosità la basilica di San Pietro. Poi ci hanno messo i resti di uno delle centinaia di migliaia di militari morti nella “inutile strage”, neanche identificato; “inutile strage” voluta non dal popolo né dalla Chiesa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Politica: siamo un popolo di analfabeti di ritorno

Articolo successivo

Quando Bossi diceva: spiegate al Nord che non c'è altra via che l'indipendenza da Roma. Oggi lo dice solo Grande Nord