Giovani Industriali: all’estero l’Italia è vista come un morto che cammina

 di REDAZIONE

All’estero l’Italia e’ vista da alcuni come “un morto che cammina”. Lo ha sottolineato il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, Jacopo Morelli, aprendo il XXVIII Convegno di Capri per Napoli in omaggio al capoluogo partenopeo colpito dall’incendio di Citta’ della Scienza. “Sono anni difficili questi – ha osservato Morelli – dove molte certezze vengono meno. Alcuni, anche dall’estero, vedono l’Italia come ‘un morto che cammina’, con un debito record al 132% del Pil, in cinque anni 90mila imprese manifatturiere in meno, larga parte della classe politica che agisce con atteggiamenti schizoidi: un giorno sembra di saggezza, l’altro di ordinaria follia”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Macrolavori (pubblici?) in corso

Articolo successivo

L'Italia è ancora in recessione. Aumenta divario tra Nord e Sud