Gimbe, focus solo sui casi in Trentino

In Alto Adige, nella settimana 18-24 agosto si registra una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti (125) e si evidenzia un aumento dei nuovi casi (37,6%) rispetto alla settimana precedente. Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19. Anche in Trentino, nello stesso periodo, si registra un peggioramento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti (91) mentre si evidenzia una diminuzione dei nuovi casi (-0,7%) rispetto alla settimana precedente. Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti Covid. Lo dicono i dati contenuti nel monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, con analisi su andamento epidemia, forniture e somministrazioni vaccini, coperture over 50, efficacia dei vaccini e scenari futuri. In provincia di Bolzano la popolazione che ha completato il ciclo vaccinale e’ pari 55% (media Italia 61,9%) a cui aggiungere un ulteriore 7,1% (media Italia 8,6%) solo con prima dose. La popolazione over 50 che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino e’ pari a 18% (media Italia 12,9%); Nella fascia 12-19 anni chi non ha ricevuto nessuna dose di vaccino e’ pari al 62,1% (media Italia 46,9%). I nuovi casi nell’ultima settimana sono pari a 72. In Trentino il 59,8% ha completato il ciclo vaccinale (media Italia 61,9%) a cui aggiungere un ulteriore 9,7% (media Italia 8,6%) solo con prima dose. La popolazione over 50 che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino e’ pari a 12,8% (media Italia 12,9%). La popolazione 12-19 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino e’ pari a 47,4% (media Italia 46,9%). I nuovi casi nell’ultima settimana sono 50.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Torna la Cassa del Mezzogiorno. 90 miliardi al Sud. Grazie al Governo Lega-Pd-FI-Leu-5Stelle. Anche questo grazie alla Lega?

Articolo successivo

Afghanistan: una guerra che finisce come era iniziata. Il fallimento riparte dalla nuova strage a Kabul