FRUNTI: INTITOLATE IL LICEO DI PATTI A BENIAMINO JOPPOLO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Gli indipendentisti du F.N.S. sostengono l’istanza rivolta alle massime autorità politiche cittadine e alla direzione scolastica del liceo pattese, dal club amici di Salvatore Quasimodo.

La Segreteria Provinciale di Messina du Frunti Nazziunali Sicilianu – “Sicilia Indipinnenti” concorda con le motivazioni che hanno ispirato la lettera aperta indirizzata dal Club Amici di Salvatore Quasimodo di Patti e rivolta al Dirigente Scolastico del Liceo cittadino e al Presidente del Civico Consesso pattese nonché al sindaco di Patti, per ottenere di mutare l’intestazione del prestigioso Istituto, ad oggi dedicato a Vittorio Emanuele III, che come ben fanno notare gli Amici di Salvatore Quasimodo “ […] nome che da decenni ormai è causa di imbarazzo e di disagio a fronte del giudizio storico e morale che da tempo è stato sancito nei confronti di colui che favorì l’ascesa al potere del fascismo e promulgò le leggi razziali e antisemitiche in Italia […] “, per intitolarlo ( finalmente diciamo Noi ) all’intellettuale pattese Beniamino Joppolo.

Ci permettiamo solo di aggiungere che troviamo l’iniziativa del sodalizio culturale pattese un segnale importante di quell’amore per le Radici e per la Memoria Collettiva che sempre più piede, fortunamente, sta prendendo nella nostra amata Patria Siciliana e anche nei nostri Territori messinesi.

Crediamo che né il Sindaco, né il Consiglio Comunale né tanto meno l’Istituzione Scolastica in questione vorranno e potranno ignorare una simile, ragionevole, utile richiesta e attendiamo quindi, a breve, che il Liceo di Patti sia intitolato, esperite le necessarie formalità di rito, finalmente, ad un illustre e meritevole Siciliano e Pattese, quale fuor di dubbio è Beniamino Joppolo.

IL SEGRETARIO PROVINCIALE DI MESSINA DEL F.N.S.

Prof. Fabio CANNIZZARO

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

REFERENDUM ANTICASTA, C'E' IL QUORUM IN SARDEGNA

Articolo successivo

FRANCIA E GRECIA, SOFFIA IL VENTO DI RIVOLTA CONTRO LA UE