NOMINATI I PORTAVOCE DEL FRONTE INDIPENDENTISTA LOMBARDIA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Con la presente desideriamo comunicare l’avvenuta costituzione del gruppo provinciale del movimento politico denominato “Fronte Indipendentista Lombardia”.

Sono stati nominati anche i portavoce del gruppo a livello provinciale, che sono Paolo Ranzini e Fabio Lanza (attuale Consigliere comunale di Badia Pavese). Le prossime iniziative del F.I.L. a livello provinciale saranno l’organizzazione di diversi gazebo nella provincia pavese, dall’Oltrepo alla Lomellina allo scopo di divulgare il proprio progetto politico nonchè ottenere nuove adesioni.

Il movimento si preparerà altresì per presentare proprie eventuali liste in occasione della tornata elettorale dell’anno venturo in forte antitesi politica con la Lega Nord.

Scopo del Fronte è l’autodeterminazione, la salvaguardia e la ricostituzione del popolo lombardo. Per il Fronte il principio di AUTODETERMINAZIONE è cardinale e universale, DEVE cioè valere non solo per noi ma per TUTTI I POPOLI. Il fronte dunque si impegnerà, secondo le vie politiche e culturali, per l’indipendenza della Lombardia. Primo passo della nostra attività sarà la riattualizzazione dell’identità lombarda attraverso lo studio della sua storia, della sua tradizione e l’utilizzo continuativo delle lingue lombarde.

Si allega alla presente e-mail il link contenente le indicazioni generali del programma politico del FIL a livello “nazionale”.
http://www.frontelombardia.net/as/programma.htm

Paolo Ranzini
Cell. 334/5753791
E-mail: progetto.lombardia@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email

7 Comments

  1. Il Fronte Indipendentista Lombardia non è composto dal solo Seveso che tra l’altro è persona estremamente preparata a livello politico ed anche e soprattutto umanistico-storico. Ci sono parecchie persone che credono e lavorano ogni giorno per il progetto di autodeterminazione dei popoli.

  2. Cosa hanno a che fare gli ex-missini del “Fronte” con gli ideali indipendentisti? Il signor Sevso non è mai neppure stato militante della Lega o di altre forze autonomiste ma viene appunto dall’estrema destra tricolore universitaria. Basta infiltrismi fasci nel mondo autonomista, basta camerati travestiti da “indipendntisti”.

      • Ma cosa pubblicate mai? Cosa avrebbero a che fare gli ex missini del “fronte” con gli ideali indipendentisti? Il loro capo Sevso non è mai stato neppure militante della ex Lega o di altre forze autonomiste ma viene appunto dall’estrema destra tricolore universitaria. Basta infiltrismi di fasci nel mondo autonomista, basta nazi che cercano di rifarsi una verginità spacciandosi per “indipendnetisti”.

  3. Siamo sempre alla sindrome dei capponi di Renzo (Tramaglino). Che bisogno c’è di porsi “in forte antitesi politica” con un cadavere?
    Come i terroni anche questi sono buoni a distruggere e non a costruire. Con l’aggravante che la lega si è già distrutta da sè.
    Maramaldo non è una proprio una figura storica da cui prendere esempio….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

PARMA, BERSANI DOPO LO SPOGLIO AL BALLOTTAGGIO

Articolo successivo

ALL'ITALIA VA IL RECORD DELLA TASSAZIONE SUL LAVORO: 42,6%