Frontalieri in Svizzera, nel primo trimestre sono aumentati

di REDAZIONE

Non è che c’è da meravigliarsi poi molto, visto che negli ultimi 5 anni se ne sono andati dall’Italia 100.000 giovani.

Nel primo trimestre sono cresciuti del 7% i lavoratori frontalieri nel Canton Ticino. Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio federale di statistica, nei primi tre mesi dell’anno erano attivi in Ticino 60.305 frontalieri, 498 in più dei tre mesi precedenti. Da gennaio-marzo 2004 il numero del lavoratori provenienti da oltre frontiera è aumentato di 26.375 unità. La quasi totalità dei frontalieri ticinesi ha domicilio in Italia (60.223).

Tenendo conto anche degli altri cantoni, il totale dei frontalieri italiani impiegati in Svizzera è di 66.730 su un totale di 282.319 frontalieri. La terra rossocrociata rimane una meta importante per cercare un futuro.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. L’operazione keynesiana straordinario di 150 miliardi di euro spalmati su 5 anni di Matteo Renzi creerà talmente tanti posti di lavoro in Fallitaglia che il frontalierato sarà un triste lontano ricordo. Metterà in ginocchio tutta la Svizzera, visto che verrà a mancare forza lavorativa capace e competente.
    Forse mi sono svegliato bruscamente da un sogno…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il più grosso errore di Grillo? Aver parlato troppo

Articolo successivo

150 miliardi per tutti, una proposta originale per peggiorare la crisi