Friulano per bambini, 27 video sul canale Youtube dell’Agenzia regionale per la lingua friulana

Ventisette video sono disponibili da oggi sul canale YouTube dell’Arlef, Agenzia regionale per la lingua friulana, nella sezione “fruts”, cioe’ quella dedicata a bambine e bambini, con l’obiettivo di stimolarli ad ascoltare, ballare e cantare in “marilenghe”. E’ il risultato di tre nuovi progetti promossi dall’Arlef, “Il Ream dai Fruts”, “Sacheburache”, “Vosutis te sachete”, illustrati oggi dal presidente dell’Agenzia, Eros Cisilino, e dal direttore, William Cisilino, alla presenza dell’assessore regionale alle Lingue minoritarie, Pierpaolo Roberti. L’assessore ha ricordato che la presentazione dei progetti coincide con due decisivi eventi per il futuro della lingua friulana, ossia il rinnovo della Convenzione per i programmi radiofonici e televisivi Governo-Rai e le modifiche normative per aggiornare la legge regionale di tutela (29/2007), a cui la Regione sta lavorando. Secondo l’assessore, “questi materiali audiovisivi prodotti con qualita’ e professionalita’ potranno rappresentare per il servizio pubblico un’occasione importante per implementare l’offerta di programmi in lingua friulana”. Roberti ha poi rinnovato l’impegno della Regione a rivendicare nelle sedi governative l’obiettivo di aumentare organico e ore di programmazione dedicate ai programmi radiofonici e televisivi in friulano e anche ottenere risorse e personale per l’offerta informativa. I progetti sono stati presentati dagli ideatori e curatori Elisabetta Ursella per Belka Media, Michela Franceschina per l’associazione Bertrando di Aquileia e Alberto Zeppieri per Numar Un. “Sacheburache” (Belka Media) ha selezionato filastrocche della tradizione orale, proponendole anche in un’originale versione rap. “Vosutis te sachete” (Ass. “Bertrando di Aquileia”) presenta canzoni inedite in marilenghe cantate e ballate dai bambini, “Il Ream dai Fruts” (Numar Un) e’ la versione in lingua friulana del format argentino “El reino infantil”. Nei video alcune voci note al grande pubblico tra cui Bobby Solo, Tinkara, Frizzi Comini Tonazzi, Silvia Michelotti, Giulia Daici.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ma la Padania non festeggia il 23 aprile la festa di Sant Jordi? Lo fanno già Firenze e Roma...

Articolo successivo

Gli stipendi degli improduttivi ricade sulle casse della Padania