/

Forza Catalunya! Arrighini, Grande Nord: il vergognoso silenzio dell’Europa “Gestapo” come nel 1940 e dei partiti italiani sull’arresto di Puigdemont

catalogna2“La storia si ripete. Le libertà vanno soffocate, l’idea di autonomia dei popoli, il diritto a secedere per volontà di una intera nazione, deve finire in galera, magari all’ergastolo”. E’ il commento di Grande Nord alla vicenda del fermo del presidente catalano in esilio da parte della Germania. “Tra i tanti giudizi che abbiamo trovato sulla rete, accanto al silenzio della politica italiana, ce n’è uno in particolare che centra la questione, a firma di Giovanni Polli, giornalista indipendente. Ci ricorda infatti che “Nel 1940, la Gestapo, la polizia politica tedesca, arrestò il presidente catalano Lluís Companys e lo consegnò a Franco che lo fece fucilare. Oggi la polizia tedesca ha arrestato il presidente catalano Carles Puigdemont. Lo consegnerà al franchista Rajoy che lo farà condannare all’ergastolo?”.

“E’ la riflessione che tutti devono fare propria in un momento così grave per la democrazia – si legge nella nota di Grande Nord a firma Roberto Bernardelli e Giulio Arrighini – Che cos’è questo se non fascismo al potere nel IV Reich e nell’Unione europea? Una deriva neofranchista che viene spacciata come affare interno di Madrid! Basta invece vedere la sollevazione popolare dei catalani per capire che la questione è europea, internazionale, e chiede una presa di posizione dei governi. Compreso quello italiano. O i premier in pectore  preferiscono tacere e prepararsi alla spartizione dei ministeri?”. 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

San Marco il leone e l’evangelista”, il nuovo libro di Aldo Rozzi Marin

Articolo successivo

Aveva ragione Pagliarini! L'Italia post voto come la Cechia e la Slovacchia