Forse a Natale spese scaglionate fino a tardi e spostamenti tra regioni. Ci stanno pensando…

Scordatevi un Natale come gli altri, ripetono a dirci. Questo si è capito, ma è pur sempre Natale e l’alienazione da mancato contatto però non è un problema secondario come non lo è specialmente per le zone rosse e arancioni, il calo dei fatturati delle attività commerciali che in questo periodo possono portare fieno in cascina e prendere respiro.

Pare infatti che il Governo stia ripensando alle misure di contenimento, e dovrebbe decidere numeri permettendo entro la scadenza dell’ultimo dpcm, ovvero il 3 dicembre. Una concessione tra tutte potrebbe essere la possibilità di spostarsi tra regioni per raggiungere i propri cari.

Altro tema sul tavolo è l’allungamento degli orari dei negozi, per evitare affollamenti, lasciando la serranda aperta fino alle 22 o le 23. In discussione anche un coprifuoco fino alle 24, un numero chiuso di ingresso nei centri commerciali.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Attività economiche crollano in Lombardia dell'80%. Bernardelli: è da secessione politica ed economica!

Articolo successivo

I milanesi hanno fame. I politici del Nord stanno a guardare