FORMIGONI: HAI ROTTO, VAI FUORI DALLE PALLE!

di TONTOLO

In una lettera inviata al settimanale Tempi, vicino a Cl, Roberto Formigoni chiede di essere giudicato per i suoi atti e non per il colore delle giacche. E sfida chiunque a contestare l’ eccellenza delle Regione da lui guidata: “Tutto è migliorabile? Certo. Sono stati commessi errori? Certo. Ma l’amicizia non è un reato”. “Sfido i presunti puri che credono di sapere e promettere di fare meglio della Lombardia – , a offrire ai propri occhi e a quelli dei loro eventuali seguaci, la radiografia scientifica di quanto è stato fatto in questi miei diciassette anni di governo di questa Regione. Sfido a pubblicare i dati degli organismi indipendenti. I dati delle authority italiane e delle istituzioni internazionali al riguardo della Lombardia. Sfido chiunque a comparare questi dati con la situazione del resto dell’Italia e a contestare la nostra eccellenza. Sono a volte caduto e cado in qualche eccesso di narcisismo o di personalismo? È così. E allora?”.

“C’entra qualcosa – continua Formigoni – il mio personale modo di atteggiarmi, i miei limiti personali, i miei gusti o non gusti, con l’oggetto proprio della valutazione di un buono o cattivo amministratore? Che cosa si deve giudicare: le mie camicie o i miei atti di governo? Le mie giacche o le mie leggi? I miei limiti di uomo o la mia concreta attività al servizio dei cittadini e il fatto che abbiamo reso questa Regione la più avanzata, moderna, efficiente in Italia?”. E in un post scriptum ribadisce che non ha alcuna intenzione di dimettersi: “Inutile dire che non mi dimetterò: sarebbe da irresponsabili piegarsi al ricatto dei calunniatori e dare soddisfazione a lobby a cui sembra non importare niente del dramma della crisi che sta devastando l’Italia e a cui interessa soltanto la mia poltrona per i loro affari di potere”.

Caro Formigoni, sei così sicuro che sei stato tu a fare della Lombardia la regione più avanza, moderna e efficiente d’Italia? Non ti viene il sospetto che probabilmente già lo era quando ne hai assunto il controllo? E poi, sei altrettanto sicuro che oggi questa  tua sentenza sia ancora valida, e in alcuni campi, proprio a cominciare dalla sanità, qualcuno l’ha eguagliata se non superata, partendo da posizioni più basse? E magari il discorso vale per l’efficienza dell’amministrazione regionale…

Io son lombardo e come molti lombardi ti diciamo: Formigoni, ormai hai rotto le balle, a noi tutta l’ostentazione in cui ti sei avvitato fa un po’ schifo, è ora che te ne vai fuori dai coglioni!

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

MOVIMENTO 5 STELLE: POTENZIALI ELETTORI AL 20,6%

Articolo successivo

VERONA: ECCO LA SENTENZA CHE HA RILANCIATO LA BADII