FORESTALE: REATI AMBIENTALI AUMENTATI DEL 17 PER CENTO

di REDAZIONE

I reati ambientali non conoscono crisi, anzi: nel 2011 quelli accertati dal Corpo Forestale dello Stato sono stati più di 16 mila, con un incremento del 17 per cento rispetto all’anno precedente. Lo afferma il resoconto annuale dell’attività dei forestali, che ha contato più di 800 mila controlli, dalla prevenzione incendi al traffico di animali alla protezione del made in Italy agroalimentare. La lunga estate calda, sottolinea il comunicato, ha riportato al centro dell’attenzione il fenomeno degli incendi.

In particolare, la Forestale ha accertato 6.515 reati di incendio boschivo, un numero quasi doppio rispetto all’anno precedente, denunciato 446 persone e arrestato 9, contestando 2289 violazioni amministrative per un importo complessivo di oltre un milione e trecentotrenta mila euro. Il 2011 è stato un anno record anche sul fronte dei rifiuti, in cui sono stati accertati 1.951 reati, denunciate oltre 2mila persone e contestate 4.546 violazioni amministrative, con un importo record notificato pari a più di 13milioni di euro, con un incremento superiore al 60 per cento rispetto al 2010.

Quasi ottomila controlli, prosegue il rapporto, hanno riguardato il benessere degli animali: «Gli interventi effettuati dai nuclei specializzati – si legge – hanno portato alla scoperta di canili lager, combattimenti e corse clandestine, traffici illegali di cuccioli, avvelenamenti e maltrattamenti. Particolare attenzione, nell’era del web, è stata rivolta alla vendita on-line degli animali, che spesso nasconde delle truffe». A questo, sottolinea il rapporto, si aggiungono i controlli nell’agroalimentare e quelli sulla sicurezza in montagna, che da sola ha portato a 1200 interventi.

Domanda: con tanti forestali sulle spalle dei contribuenti, non è che qualcosa non quadri?

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

VERONA, OPERAIO SI DA' FUOCO: DA 4 MESI SENZA STIPENDIO

Articolo successivo

BEFERA, IL "TRONISTA DEL FISCO", RILANCIA I BLITZ