Fondi Lega: Gdf, moglie russa imprenditore sapeva di alcune operazioni

Si concentrano anche su Tatiana Andreeva, moglie russa dell’imprenditore indagato e vicino alla Lega Francesco Barachetti, nonche’ socia sia della stessa Barachetti service srl che della Bmg srl, altra societa’ di famiglia, e su alcuni investimenti in Russia le indagini della Procura di Milano sul caso Lombardia Film Commission e sui presunti ‘fondi neri’ della Lega. Lo si evince, riporta l’Ansa, da alcune informative della Gdf agli atti del fascicolo. In un’intercettazione del 18 novembre 2019 Andreeva, parlando con un agente finanziario, come sintetizza la Gdf, fa “intendere l’esistenza di operazioni con la Lega con altri intermediari bancari”. E l’interlocutore, “parlando della Banca BCC presso cui la Bmg srl ha gia’ in essere un conto corrente dal maggio 2019”, le ricorda “la raccomandazione” ricevuta dalla banca di “evitare di far transitare sul conto movimentazioni finanziarie in entrata provenienti ‘dalla Lega’”. E le dice: “Ti ricordi lui aveva detto ‘assolutamente niente dalla Lega’ ti ricordi?”. Da un’altra informativa si evince, tra l’altro, che parte degli ormai noti 800mila euro della presunta vendita gonfiata del capannone a Cormano per la LFC, ossia 390mila euro, sono passati per la Barachetti service srl. Barachetti che, poi, ha impiegato 45mila euro euro di quella somma per acquistare “rubli russi”, serviti per un’operazione immobiliare a San Pietroburgo. La “provvista”, infatti, e’ stata trasferita in favore di una societa’ russa, la Sozidanie OOO, con la causale ‘pagamento per acquisto proprieta”, pagamento accreditato su una banca di Mosca.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

"UN NUOVO PROGETTO PER LA SALUTE MENTALE": LETTERA AI CANDIDATI DEL VENETO

Articolo successivo

Covid, 252 decreti ma il 72% è ancora lettera morta