Fondazione Moressa. L’altra faccia dell’immigrazione, il caso Veneto: integrazione e ricchezza

stranieri-moressaLa fotografia dell’economia dell’immigrazione presentata dalla Fondazione Leone Moressa con la sesta edizione del Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione, pubblicato con il contributo della CGIA di Mestre e con il patrocinio di OIM e MAECI[1]. L’edizione 2016,  “L’impatto fiscale dell’immigrazione”, si focalizza sul contributo della componente straniera alle casse pubbliche: non solo costi per l’accoglienza, dunque, ma anche forza lavoro, gettito Irpef, contributi pensionistici e un significativo contributo al Pil e all’imprenditoria.

Anche in Veneto, storicamente, il tessuto delle piccole e medie imprese ha negli anni beneficiato della manodopera straniera. 500 mila residenti regolari ricoprono un ruolo di primo piano, anche da un punto di vista economico e fiscale.

Prevalgono le nazionalità dell’Est. Quasi uno straniero su quattro (23,5%) in Veneto è romeno. Tra le prime 10 nazionalità straniere in Veneto ben 6 sono dell’Europa dell’Est o dell’area balcanica. Mediamente, più della metà sono donne, ma la quota rosa cresce tra le nazionalità dell’Est, caratterizzate dal fenomeno badanti.

In molti comuni presenza straniera al 20%. Se a livello regionale gli stranieri rappresentano il 10,1% della popolazione (in lieve calo rispetto al 2014), molti comuni registrano una presenza molto più alta. Lonigo, San Bonifacio e Arzignano spiccano per un’incidenza intorno al 19%: quasi un abitante su 5 è straniero.

Il contributo economico. Nel 2015 i 242 mila occupati stranieri in Veneto hanno prodotto 13,8 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 10,4% della ricchezza regionale complessiva. Le imprese straniere in Veneto sono 46 mila, il 9,4% del totale. Nel periodo 2010/2015, mentre gli imprenditori nati in Italia sono diminuiti (-7,9%), i nati all’estero hanno registrato un +13,0%.

L’impatto fiscale. Nel 2015 i contribuenti nati all’estero rappresentano il 10,8% dei contribuenti in regione e hanno versato Irpef netta per 716,9 milioni di euro. Il differenziale di reddito medio tra nati in Italia (21.989 euro) e nati all’estero (14.075) rimane alto, quasi 8 mila euro.stranieri-moressa-2jpg

 

Secondo i ricercatori della Fondazione Leone Moressa, “dai dati emerge una fotografia dell’immigrazione che non è fatta solo di sbarchi e accoglienza profughi, ma anche – e soprattutto – di lavoratori integrati nel tessuto nazionale e regionale. In Veneto gli immigrati producono il 10,4% della ricchezza complessiva e versano 716,9 milioni di Irpef.”

[1] Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Indipendenza Veneta: Belluno e Dolomiti, perché l’area vasta non diventi area devastata

Articolo successivo

Il Sole nero su Confindustria, quella che dà lezioni su come si governa un Paese