Frunti Siciliano: “No al ponte sullo stretto di messina”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

«Perché la consideriamo un’opera faraonica, dannosa e finalizzata ad “assassinare” la gloriosa città di Messina e la Sicilia tutta. Sì, piuttosto, alla rinascita di Messina come regina dei due mari e come punta avanzata della Nazione Siciliana nei rapporti con il vicino, con il medio e con il lontano oriente». Lo ha dichiarato il Prof. Corrado Mirto, tagliando corto su molti dei tentativi in corso, che ha definito “ferocemente antisiciliani”, oltre che antimessinesi, di dare per scontata la decisione di realizzare il Ponte sullo Stretto di Messina, peraltro come opera prioritaria …

«Ed “antisiciliane” oltre che antimessinesi, sono quasi tutte le grandi manovre per accorpare la gloriosa ed antica Città di Messina alla istituenda regionicchia calabro-sicula dello Stretto

«Il 28 ottobre prossimo i Siciliani tutti ed i Messinesi in particolare dovranno dire “no” alle manovre antisiciliane suddette anche quando tali “manovre” siano promosse da forze politiche e da personaggi che si autodefiniscono “sicilianisti”, Attenzione!!! Si tratta infatti della tattica che si richiama al “Cavallo di Troia”. Non cadremo nella trappola!.

Il Prof. Corrado Mirto, com’è noto, è Presidente del Fronte Nazionale Siciliano “Sicilia Indipendente” ed è candidato, sia a Palermo che a Messina, della lista: «Il Popolo de i Forconi – Mariano Ferro Presidente – Fns». «La mia – ha puntualizzato – non è una candidatura con finalità elettoralistiche. È piuttosto una candidatura di “servizio”. Al servizio cioè del Popolo Siciliano e della sua speranza di rinascita e di riscossa»

Il Vice Segretario Politico FNS – Giuseppe Sorrentino

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ecco la vera faccia del crimine organizzato

Articolo successivo

Per il Manifesto dell'indipendenza del Popolo Veneto