Flat tax? Rimpiomberete nell’incubo spread”

TASSE3

Lega attenta ad introdurre la flat tax: l’Italia potrebbe “ripiombare nell’incubo dello spread”. Così all’Adnkronos l’economista Jean Fitoussi, docente di Economia allla Luiss di Roma e all’Institut d’Etudes Politiques di Parigi, Sciences Po, il giorno dopo il voto per le europee che ha visto un rafforzamento della Lega, aprendo con ogni probabilità il varco a un peso maggiore dei cavalli di battaglia del Carroccio (flat tax in primis)nell’agenda del governo con i Cinque Stelle.

 “Se il rafforzamento della Lega portasse all’introduzione della flat tax sarebbe un grande problema per i conti italiani – sottolinea Fitoussi – perché la flat significa più deficit e quindi ritornare nell’incubo dello spread. Ne sono certo”.

“All’Europa – aggiunge – non piacciono i disavanzi, è evidente, dunque la flat tax tornerebbe a far rialzare i livelli di spread”.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Fitoussi può avere ragione ma , sinfonia suonata alla “francese” ; diffido per causa forma di berbenismo interessato .
    Laicità dell’imprinting francese da esportazione che alla mal parata ripiega tapinamente e lascia in brache di tela .
    La grandeur che voltura in boneur .
    Si paga il conto alla romana , significa oneri al 50% .
    Soluzione alla francese , Napoleone permettendo , suona leggermente da ” corte dei miracoli ” .
    Notre Dame in fiamme , modello Bataclan , primavere arabe , sono l’imprinting sintomatologico che anche l’economista stimabile come Fitoussi , rappresenti , a sua insaputa , vedi Romano Prodi , l’utile idiota funzionale . Connazionale di Moscovici , un francesismo non da esportazione , anche se millantano Chanel .
    Roma ex ladrona , oggi “Topona” , competitor di Parigi ; ergo il nemico tuo è quello dell’arte tua .

  2. Balleeeeeee!!!
    Dare all’Italia uno shock fiscale è quello che serve per far ripartire l’economia ed il mercato interno. Non si tiene conto da parte del Sig.Fitoussi dei benefici che una flat tax al 15% sino a 50.000 euro comporterebbe come maggiori entrate fiscali, iva, aumenti posti di lavoro, aumento del PIL etc…
    Aggiungo che con l’autonomia del VENETO e di altre regioni si arriverebbe finalmente alla soluzione di permettere alle regioni più virtuose ed economicamente più avanzate di progredire ulteriormente e a quelle del meridione di darsi più da fare per mantenere il passo dei tempi.
    Il cancro dell’assistenzialismo deve finire !!!!!
    Senza queste due misure l’italia è destinata a fare una brutta fine, che poi sarà quella degli italiani perché nessuno in Europa vuole metterci un euro per aiutarci e quindi patrimoniale, aumento dell’iva ed altro ancora potrebbero diventare delle realtà.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

5Stelle, apolidi nell'europarlamento

Articolo successivo

Non dite che il voto populista è il voto del popolo...