Fisco famelico: Befera mette al suo servizio i Comuni d’Italia

di REDAZIONE

Non solo i Comuni “non vogliono indebolire la lotta all’evasione”, ma “vogliono rafforzarla”. Proprio per questo, nel solco della collaborazione già da tempo avviata con l’Agenzia delle Entrate, sarà a breve siglato un nuovo accordo per potenziare il contrasto agli evasori. Ad annunciarlo all’Adnkronos è il presidente dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani Graziano Delrio spiegando: “Siamo in una fase di chiusura dell’accordo ed entro settembre lo presenteremo insieme a Befera”.

 

La nuova intesa, che servirà a rendere ancora più efficace il ‘patto’ con l’Agenzia delle Entrate presentato lo scorso febbraio e teso a favorire lo scambio di dati tra più enti, affinerà soprattutto gli aspetti legati alla”formazione del personale comunale, al potenziamento delle segnalazioni più rilevanti” e metterà nero su bianco “gli obiettivi” da raggiungere. Se il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino, che già nei giorni scorsi aveva puntato l’indice contro gli scarsi risultati della lotta all’evasione fiscale da parte dei Comuni, ha ribadito che i Comuni potrebbero fare molto su questo fronte auspicando che non venga indebolito il ruolo di Equitalia a favore di una miriade di societa’ locali di riscossione, Delrio precisa che i sindaci non intendono “assolutamente indebolire il ruolo di Equitalia e dell’Agenzia delle Entrate, tanto che con Befera abbiamo avviato collaborazioni e il progetto Anci per la lotta all’evasione”.

“Non solo non vogliamo indebolire, ma vogliamo rafforzare la lotta all’evasione fiscale – afferma Delrio – crediamo che il contrasto all’evasione sia ineludibile nella nuova stagione del Paese, una stagione nel segno del rispetto delle regole. La lotta all’evasione ha visto gravi difficoltà e anche per questo il progetto di collaborazione sarà rafforzato”.

“La collaborazione tra i Comuni e l’Agenzia delle Entrate sta funzionando abbastanza bene”, afferma Delrio facendo riferimento al protocollo firmato con Anci e a cui hanno gia’ aderito diversi Comuni. I dati definitivi sono ancora parziali, ma “buoni risultati sono stati raggiunti in Emila-Romagna, Lombardia, Piemonte e anche in alcune regioni del Sud”, prosegue il sindaco secondo il quale “questo lavoro va rafforzato e cio’ sara’ l’oggetto di un nuovo accordo che faremo presto con l’Agenzia delle Entrate”. L’intesa in arrivo verterà “sul potenziamento degli aspetti che hanno fuzionato, il potenziamento delle segnalazioni più utili concentrandosi sui dati più sensibili, la formazione degli operatori comunali”.

“Siamo in una fase di chiusura dell’accordo ed entro settembre lo presenteremo insieme a Befera – sottolinea Delrio -. Sarà un’ulteriore dimostrazione che i Comuni sono al fianco dello Stato nel ripristinare le regole. E che da parte nostra non c’è una volontà di indebolire la lotta all’evasione, ma anzi di rafforzarla fornendo ulteriori strumenti”. Se poi, nell’ambito del protocollo siglato tra Anci ed Agenzia delle Entrate, spetterà a ogni singolo Comune fare la sua parte, è anche vero che è tutto interesse degli enti locali migliorare la propria capacità di contrasto all’elusione: fino al 2014, infatti, riceveranno il bonus del 100% delle somme recuperate.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Se usate denaro contante siete criminali. Ecco dove si vuole arrivare

Articolo successivo

SPIAGGE, UN'ALTRA LIBERALIZZAZIONE TECNICAMENTE SBAGLIATA