FINI A GAETA: “NE’ PADANI, NE’ MERIDIONALI. SOLO ITALIANI”

di GAETANO ALNABUCCHI

La storia nel suo svolgersi scrive anche pagine dolorose, di sofferenza per le popolazioni, gesta che producono ferite ed “è compito delle istituzioni realizzare una autentica pacificazione nazionale”, ha detto Gianfranco Fini a Gaeta, in un luogo dove la storia 151 anni fa produsse una ferita profonda che per alcuni non si è ancora rimarginata.

Qui fu infatti scritta la pagina della capitolazione del Regno delle Due Sicilie, con la resa di re Ferdinando II dopo un assedio delle truppe di Vittorio Emanuele II durato 102 giorni e un cannoneggiamento martellante costato migliaia di vittime. Il presidente della Camera lo ha detto a Piazza Trieste, dove sorge il monumento ai caduti dei due eserciti rivali, dove allora come oggi, in quella che si chiamava Spianata di Montesecco, fu celebrata una analoga cerimonia: il comandate dell’esercito vincitore, il Generale Cialdini, disse parole che Fini ha ripetuto e fatto sue: tutti questi caduti meritano rispetto perchè ognuno di loro è caduto per adempiere il suo dovere di soldato, per rispettare il giuramento di fedeltà che aveva fatto.

Prima di Fini, il sindaco Antonio Raimondi han dato voce a un dolore e a un risentimento che non è ancora del tutto spento per i costi pagati dai suoi antenati e che lo ha portato a intitolare la cerimonia odierna “Verso l’unità d’Italia”. Furono migliaia i morti anche fra la popolazione civile. Ci furono i cannoni, la fame, la peste petecchiale…

Nel 2008 l’amministrazione comunale chiese i danni agli eredi Savoia. Ieri, il primo cittadino dice che fu scritta una pagina “triste e dolorosa” per costringere il re borbone che si era rifugiato in questo estremo ridotto alla resa e all’esilio. E aggiunge che “non ci fu Trattato di pace perché non c’era stata dichiarazione di guerra ma una invasione, e subito dopo noi cominciammo a pagare, con la questione meridionale e l’emigrazione”.

Fini ha ascoltato, poi senza polemizzare ha tirato fuori tutta l’italianità che il suo ruolo e la sua ideologia gli impongono, innanzi tutto richiamando “il memorabile discorso di Giorgio Napolitano, il 17 marzo del 2011 davanti alle Camere”. Inoltre, ha detto: “È stato giusto ricordare come è nata l’Italia unita, ritrovare le ragioni per cui un popolo è diventato una nazione. La grande partecipazione alle celebrazioni ha dimostrato che il nostro popolo sente di appartenere a una comunità nazionale italiana che fa parte della comunità europea, ha dimostrato che aveva torto chi pensava che potesse esistere una identità padana o meridionale. Per stare insieme – ha aggiunto – è necessaria questa consapevolezza e sanare antiche ferite. Si può fare solo se si ricordano anche pagine di autentica sofferenza come quelle vissute da Gaeta e in modo drammatico da altre comunità durante la Seconda Guerra Mondiale. La storia la scrive chi stava dalla parte del torto e chi dalla parte della ragione, ma a chi ha combattuto adempiendo il proprio dovere è giusto rendere omaggio come facciamo oggi, come fu fatto 151 anni fa, in questo luogo con lo stesso spirito”.

Ancora una volta, insomma, la storia vera viene calpestata per far spazio al consueto nazionalismo a tre colori.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

LEONI, E' VECCHIO DECREPITO O RACCONTA BALLE?

Articolo successivo

IL RISPARMIO E' MORTO, LA RACCOLTA DEL 2011 CADE DELL'80%