/

Finalmente anche la scienza ci da ragione: gli italiani non esistono! Non ci resta che convincere i politici

italiadi ROBERTO PISANI – Finalmente anche la scienza ci da ragione: gli italiani non esistono! “Si tratta solo di un’aggregazione di tipo geografico. Abbiamo identità genetiche differenti, legate a storie e provenienze diverse e non solo a quelle” spiega Davide Pettener, antropologo del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna.
Lo studio, finanziato dalla  National Geographic Society, rientra in progetto mondiale ed ha esaminato tremila campioni di sangue, coinvolgendo l’Avis. Unico requisito richiesto aver i quattro nonni proveniente dalla stessa provincia.
È emerso che si tratta di una vera e propria accozzaglia di dna differenti, lasciati dalle popolazioni che durante i secoli hanno vissuto sul territorio italico. In poco parole Germani, Greci, Longobardi, Normanni, Svevi, Arabi sono passati lasciando i loro geni.
Unica eccezione i Sardi “si differenziano da tutte le popolazioni italiane ed europee. Mentre la Sicilia è stata un hub per tutte le popolazioni mediterranee, la Sardegna conserva le più antiche tracce non avendo subito invasioni e si è differenziata da tutte le popolazioni europee al pari di Baschi e Lapponi.” sottolinea Pettener “Lo studio delle popolazioni isolate, come e più della Sardegna, per esempio come quella Arbëreshë (le popolazioni di lingua albanese stanziate in alcune zone del Sud), i Ladini, sparsi nelle valli delle Dolomiti, i Cimbri dell’Altopiano di Asiago o i Grichi e i Grecanici del Salento e della Calabria è interessante perché ci permette di vedere come eravamo, presumendo che ci siano stati pochi innesti nel tempo di Dna differente. Una vera macchina del tempo”
Adesso non ci resta che convincere i politici!

Roberto Pisani
segretario politico
Identità Oltrepò
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il fastidio per la democrazia. Come a Vicenza, per esempio...

Articolo successivo

Valentino (Grande Nord): con Sergio Bramini presidio il 18 maggio contro lo Stato che non ti paga e ti fa fallire