Frunti: “Fiat si ricorda di Melfi, ma non di Termini Imerese”

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

A MELFI è arrivata la lieta novella: il polo automobilistico della FIAT riprende alla grande la propria attività produttiva e sarà ulteriormente potenziato con l’investimento di un miliardo di euro. Non è obiettivamente un fatto di poco conto. E’ comprensibile, quindi, che gli operai, i politici, il Popolo di Melfi abbiano tributato scroscianti applausi ai tre grandi artefici del provvedimento: MARCHIONNE, MONTI e ELKANN, considerandoli tre RE MAGI in carne ed ossa.

C’è di più. La FIAT, infatti, ha programmato che, in tempi brevissimi, l’impianto di MELFI realizzerà due tipi di SUV della fascia “B” (quella delle utilitarie) che sono molto richieste dal MERCATO… MA DI TERMINI IMERESE NON SI PARLÒ, NÈ SI PARLA, NÈ SI PARLERÀ!

La FIAT, per il 2016, promette anche la costruzione di 17 nuovi modelli. Complimenti ed applausi ai… benefattori!

MA DI TERMINI IMERESE NON SI PARLÒ, NÈ SI PARLA, NÈ SI PARLERÀ!

INVESTIMENTI ANCHE A MIRAFIORI, A CASSINO, A POMIGLIANO,  ECC. ECC.

MA DI TERMINI IMERESE NON SI PARLÒ, NÈ SI PARLA, NÈ SI PARLERÀ!

Visto dalla sicilia, tutto ciò è tragico ed è vergognosamente discriminatorio! Non ci dilunghiamo oltre, anche perché i fatti parlano da sé e la casta dei politicanti siciliani pure. È, però, un motivo in più per dire la parola “basta” all’ascarismo, nonchè ai partiti ed ai movimenti politici che fanno finta di gestire la crisi che essi stessi hanno provocato. Basta anche a quei personaggi e a quei gruppi di potere che si camuffano da sicilianisti, da autonomisti o da “statutisti” e che, di fatto, continuano a dare manforte alla de-industrializzazione della Sicilia e all’arretramento della sua economia, per farne: un mercato di consumo, una colonia di sfruttamento, un ignobile mercato di voti di scambio. E per impedire la rinascita e la riscossa del Popolo Siciliano, della Nazione Siciliana.

A N T U D U !

‘U PRISIDENTI FNS  (Kurrahu MIRTO)

‘U SIKRITARIU PULITIKU (Pippu SCIANÒ)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

VIETARE IL CONTANTE: IL GRANDE FRATELLO SI CHIAMA BANCOMAT

Articolo successivo

A ciascuno il suo Natale: ecco come si è festeggiato nel mondo