Ferrari Nasi: cari segretari di partito, occhio: i social network non spostano voti

arni social

 

di ARNALDO FERRARI NASI – In Italia solo il 63% delle persone usa Internet, dato Istat di dicembre; un po’ di più del Marocco (61%) e molto meno della Francia (86%), dato We Are Social di gennaio. Ancora peggio i social network: la piattaforma più diffusa, Facebook, incide appena per il 33% sugli utenti della Rete; Twitter il 12%. Ovviamente sovrapposti, cioè chi usa Facebook, usa anche Twitter.

Con poco più di 60 milioni di Italiani ed un corpo votante di 50 milioni, sono in Internet più o meno 31 milioni di elettori. Soprattutto, sono solo 10.000.000 quelli su Facebook e poco più di tre milioni e mezzo quelli su Twitter. Senza contare che la fascia tra gli 11 e i 17 anni, stimata al 95%, sottrae molti “individui utili”. La comunicazione politica su Facebook, quindi, coinvolge direttamente solo il 21% dell’elettorato, quella cinguettata il 7%.

L’ago ipodermico di Harold Lasswell, quello che vede i messaggi in grado di inoculare le singole persone, sui social non ha proprio i numeri. E non funziona neanche la relazione tra opinion leader e gruppo affine, quella descritta da un altro grande teorico della comunicazione, Paul Lazarsfeld, con il Two Step Flow: Saveria Capecchi, docente di Sociologia della Comunicazione Multimediale all’Università di Bologna, sottolinea come “nessuna delle più recenti analisi sia riuscita a correlare gli stimoli circolanti nelle reti sociali in azioni concrete, come le decisioni di voto”.

Sui social si formano per lo più “isole omogenee di pensiero, dove al massimo è presente qualche hater, che entra nella discussione con lo stesso spirito con cui certa gente segue Sanremo, solo per andarvi contro”. In breve, chi partecipa a discussioni politiche sui social ha già le proprie convinzioni e non è quello il mezzo per fargliele cambiare.

Una prova provata è il voto a Grillo, che si dice essere tutto costruito in Rete. Invece il Movimento non ha un elettorato particolarmente giovane, dove vi è un tasso di connessione prossimo alla totalità; sono molto più giovani gli elettori del Pd e quelli di Fdi (questi ultimi in proporzione quasi del doppio). Ciò che gli garantisce quel costante 25% non è il semplice messaggio on-line, ma piuttosto l’azione politica, amplificata dai media tradizionali, TV in primo luogo.

Mi sono di recente trovato a seguire l’intervento di un comunicatore che dibatteva sulla grande importanza, per la campagna di un partito politico, di puntare ed investire sui Social Network. Viste le premesse, però, i danari sarebbero meglio spesi stampando volantini e rimborsando giovani militanti per una capillare distribuzione sul territorio, come si faceva un tempo.

Per gentile concessione dell’autore da http://www.liberadestra.com/

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Sopra la Banca la Politica campa. Sotto la Banca il Cittadino crepa

Articolo successivo

Sanità, la road map degli sprechi "criminali". Asl e ministero ignorano?