“Felix Austria”, mostra a Seregno sino al 24 novembre

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

«Felix Austria, la Lombardia austriaca prima dell’Unità d’Italia». Questo il titolo della mostra storico – didattica che sarà inaugurata, con un convegno, sabato 9 novembre alle ore 16 al «Museo Vignoli» (via Santino De Nova, 26).

«La Lombardia austriaca raccontata senza pregiudizi e retorica unitaria», spiega il sindaco Giacinto Mariani, che poi entra nel merito della mostra: «L’obiettivo è approfondire la conoscenza del periodo pre-unitario, spesso sottovalutato, dando particolare rilievo alle condizioni sociali ed economiche del territorio insubre e lombardo e, soprattutto, alle eredità lasciate dalla lunga presenza austriaca».

Un «percorso», attraverso venti pannelli, per aiutare il visitatore a comprendere la situazione politica e sociale della Lombardia amministrata dall’Austria, in un periodo storico caratterizzato da una fase di grande sviluppo economico e un’efficienza amministrativa di assoluto livello.

La mostra, organizzata dall’Associazione culturale «Terra Insubre – sezione Monza e Brianza» con il patrocinio del Comune di Seregno, potrà essere visitata fino al 24 novembre (ingresso libero).

Informazioni: tel. 349/3883365 – email: ilcisalpino@libero.it.

Print Friendly, PDF & Email

6 Comments

  1. Il Lombardo-Veneto era lo Stato più povero dell’epoca ed era sfruttato, usato come una colonia. Infatti tutte le scoperte venivano portate in Austria mentre il L-V rimaneva arretrato. Studiate bene la storia

  2. L’italia o meglio l’ISLAFRITALIA si demolisce solo con la VERITA’ STORICA..!

    Le nefandezze imbroglione, truffaldine e BRIGANTANTI, dei talibani, devono essere SPIANATE E SCOPERCHIATE e rese pubbliche.

    AL PIU’ PRESTO POSSIBILE..!

    I POPOLI RINCHIUSI IN QUESTA DANNATISSIMA PENISOLA DELL’INGIUSTIZIA (The NEW ALKATRAZ) E I RAPINATI SISTEMATICAMENTE DALL’ULTIMA NATA, l’ISLAFRITALIA appunto, DEVONO SAPERE..!

    Sforzo immane davvero ma NECESSARIO per far tornare KOSCIENTI E LIBERI I POPOLI IVI RINKIUSI..!

    Ci vuole la CONTRO INFORMAZIONE STORIKA..!

    E un’attenzione partikolare va nei libri SKOLASTICI usati nelle varie KST..!

    Oggi, non sotto l’Austria e nemmeno sotto altri, ma SOTTO DI NOI STESSI..!

    DIRITTO INALIENABILE E NON RINUNCIABILE DELL’UOMO LIBERO: AUTODETERMINAZIONE DA SUBITO..!!!

    continua

Rispondi a Giuseppe Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Zona Franca, in Sardegna litigano Cappellacci e opposizioni

Default thumbnail
Articolo successivo

La ministra Peluso che cambiò il cognome in Cancellieri