CO-FONDATORE DI FACEBOOK: “VIA DAGLI USA, A SINGAPORE MENO TASSE”

di REDAZIONE

In USA ha creato un certo scalpore la decisione del co-fondatore di Facebook Eduardo Saverin di rinunciare alla nazionalità americana per ottenere quella di Singapore dove è al momento residente. Questo giusto alcuni giorni prima dell’entrata in borsa di Facebook. La decisione ovviamente non è stata presa senza uno scopo preciso: evitare di essere tassato dal governo americano. Con questa mossa si pensa che Saverin eviterà di pagare al fisco statunitense oltre 600 milioni di dollari in tasse. La sua tassazione passerà dal 39.6% degli USA al 20% di Singapore. Soverin pagherà comunque una exit tax, cioè una tassa -sembra incredibile ma si sono inventati pure questa! – di rinuncia della cittadinanza che sarà proporzionale al suo reddito e alla presenza di assets nel territorio americano nel momento di rinuncia della cittadinanza.

Istintivamente molti hanno pensato che Saverin abbia preso una decisione sbagliata, antipatriottica e in definitiva senza un briciolo di gratitudine per quello che l’America gli ha offerto. D’altronde Saverin è un immigrato brasiliano che ha trovato la sua fortuna in USA. Come si permette ora di andarsene con le tasche piene dopo tutto quello che il suo paese ha fatto per lui? Qualcuno in USA si è perfino spinto a proporre una legge contro la fuga fiscale dei miliardari, un’opinione che la dice lunga sulla fascistizzazione (o sovietizzazione) della cultura e politica americane.

La verità, come sempre, è controintuitiva e solo un libertario può leggerla. Ho trovato un breve testodel professor Roderick Long che vorrei proporvi per intero per farvi capire il punto di vista libertario su questo argomento:

“Se una guardia penitenziaria vi pesta venti volte al giorno mentre le altre guardie vi pestano cinquanta volte al giorno, allora sicuramente preferireste la prima guardia alle altre – ma dovreste mostrare gratitudine alla prima guardia? O dovreste cercare appena ne avete la possibilità di essere picchiati da una guardia che vi pesta solo dieci volte al giorno? Tutti gli esempi per cui Saverin dovrebbe essere debitore agli Stati Uniti derivano dal fatto che le leggi americane sono meno oppressive rispetto alle leggi di molti altri paesi. Essere meno oppresso significa essere pestato meno spesso.

La gratitudine è una risposta appropriata quando si riceve un favore o un privilegio. La libertà è un diritto, non un privilegiodomandare che la gente sia grata per non avere la propria libertà violata è moralmente osceno. In ogni caso, la libertà che Saverin ha sperimentato in questo paese [USA] è stato il risultato non del governo (il quale si espanderebbe a dimensioni totalitarie se potesse) o della classe dirigente (idem) ma di molte generazioni di cittadini che hanno lavorato per limitare il governo e la classe dirigente. Quindi chiedere a Saverin di mostrarsi debitore al governo e di consegnargli il suo denaro sarebbe come chiedere ad un paziente di essere grato al virus perché grazie all’inoculazione non soffre troppo malamente a causa sua.

[…] I governi devono fedeltà ai loro cittadini, non viceversa.

Tratto da: http://libertarianation.org

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Mia nipote ha apepna perso un’intera giornata a sentire un suonatore di congo senegalese per approfondire il concetto di multiculturalite0 ed integrazione .Al ritorno a scuola ha dovuto scrivere sul diario che essendo tutta la classe carente in grammatica, si consiglia caldamente ai genitori di farla studiare ai figli in previsione della I Media.Ma almeno sare0 ferrata in integrazione Gregorovius

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

VILLA VALS: IN SVIZZERA C'E' LA CASA NELLA ROCCIA

Articolo successivo

MARONI: PONTIDA NON SARA' MAI CANCELLATA, E' IL NOSTRO SIMBOLO