Export, unica salvezza per l’Italia: le prospettive non sono nere

di REDAZIONE

”Quattro anni di crescita dell’export moderata ma progressiva, a un tasso medio annuo del 7,9%”. E’ la stima tracciata da Sace nel suo Rapporto export presentato oggi a Milano. Secondo Sace, l’export di beni italiani crescera’ del 7,2% nel 2013 e accelerera’ negli anni successivi fino a raggiungere +8,5% e un valore di 535 miliardi di euro nel 2016. Tra i settori top, la meccanica strumentale (+9,7%) e apparecchiature elettriche (+8,0%), rallenta invece il Made in Italy alimentari e abbigliamento. L’ufficio studi della societa’ guidata da Alessandro Castellano indica tra i mercati chiave per l’export italiano non solo economie emergenti come Cina (verso cui si prevede una crescita media annua dell’export italiano pari al 12,3% nel quadriennio 2013-16), Brasile (+11,3%), Romania (+10,6%), Turchia (+10,2%), Russia (+9,4%) e Polonia (+8,4%) ma anche economie mature come Svizzera (+11,5%), Stati Uniti (+11,2%), Francia (+7%) e Germania (+6,6%). Sono questi i paesi che genereranno maggior valore per il nostro export nei prossimi anni.

In una logica di medio-lungo termine il Rapporto Export ”Quando l’export diventa necessario”, segnala un numero significativo di mercati di prossima generazione, localizzati prevalentemente nel Sud-est asiatico, verso i quali il nostro export ha raggiunto livelli ancora non elevati ma si prepara a mettere a segno tassi di crescita sostenuta nei prossimi anni: Indonesia (+10,1%), Filippine (+10,8%), Malesia (+9,6%), Cile (+8,9%), Nigeria (+9,4%), Angola (+10,2%) e Qatar (+9,7%). Nella classifica dei settori ”top”, saranno i comparti a medio-alta tecnologia a guidare le performance dell’export italiano. Complessivamente, a registrare i piu’ elevati tassi di crescita saranno i beni d’investimento, trainati dai settori meccanica strumentale (+9,7%) e apparecchiature elettriche (+8,0%), i beni intermedi dell’industria metallurgica (+10,1%), estrattiva (+8,8%), della gomma e della plastica (+8,6%) e della chimica (+8,3%).

Il Made in Italy tradizionale (alimentari, arredamento, abbigliamento) vedra’ ridimensionato invece il proprio ruolo propulsivo, con tassi inferiori al 6%, ad eccezione di bacini di opportunita’ nell’alto di gamma dove le performance saranno invece molto superiori alla media.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Noi indipendentisti lombardi smettiamo per una volta di essere "coglioni"

Articolo successivo

Giannino, tra le balle raccontate anche quella dello Zecchino d'oro