Ex Lega Nord e anche ex Lega Sud. Né autonomia né federalismo. Anche “A Palermo traditi da Salvini”

L’ex consigliere di Palermo Gelarda passa a Sicilia Vera di De Luca. “Da oggi non sono più parte della Lega, mi sono dimesso da ogni incarico che ancora detenevo dentro il partito. Dopo 4 anni di battaglie su strada sono molte le ragioni che mi hanno spinto a questa scelta sofferta. Quel progetto della Lega siciliana che mirava al federalismo e all’autonomia della Sicilia non esiste più. Non c’è più nessuna attenzione verso le famiglie ei bisogni della gente. E soprattutto il progetto di Matteo Salvini sarebbe dovuto essere in totale rottura con il vecchio modo di fare politica in Sicilia. Mentre non è accaduto. Il mio modo di pensare e di fare politica è distante anni luce dal loro – aggiunge -. Lascio non perché cerco poltrone, al contrario in qualità di ex capogruppo e di primo non eletti alle Europee del 2019 soprattutto, mi è stato più volte garantito che stato candidato alle elezioni nazionali. Ma non mi interessa un collegio sicuro, non mi interessano le poltrone, se poi non riesco a essere utile alla mia comunità. Ho deciso perciò di aderire al progetto di Cateno De Luca sindaco di Sicilia, perché è l’unico che dice le cose in faccia, che ha coraggio, che non accetta, come me. L’unico che può cambiare la storia di questa terra. Io ho un solo obiettivo, che ho perseguito per 5 anni da consigliere comunale. Voglio che le cose in Sicilia cambino. Voglio continuare a lottare. Se voluto ottenere una poltrona, un ruolo, una posizione sarei rimasto nella Lega, ma non posso fare politica senza quella passione che da sempre mi contraddistingue anche al costo di mettere in discussione – conclude Gelarda”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Forza Italia frena sul voto e spinge su "scissione a freddo" dei 5Stelle per un Draghi bis

Articolo successivo

Isolamento russo? "Una illusione americana"